Versione per la stampa http://www.consregsardegna.it/wp-content/plugins/print-o-matic/css/print-icon-small-black.png

Resoconto della seduta n. 216 del 10/08/2022

Bozza provvisoria

CCXVI SEDUTA

Mercoledì 10 agosto 2022

Presidenza del Presidente Michele PAIS

La seduta è aperta alle ore 12 e 13.

CUCCU CARLA, Segretario, dà lettura del processo verbale della seduta del 22 marzo 2022 (205), che è approvato.

Congedi

PRESIDENTE. I consiglieri regionali Daniele Secondo Cocco, Angelo Cocciu, Michele Ennas, Domenico Gallus, Diego Loi, Piero Maieli, Ignazio Manca, Antonio Mario Mundula, Alfonso Marras, Aldo Salaris e Marco Tedde hanno chiesto congedo per la seduta antimeridiana del 10 agosto 2022.

Poiché non vi sono opposizioni, i congedi si intendono accordati.

Comunicazioni del Presidente

PRESIDENTE. Comunico che la consigliera Annalisa Mele, con nota del 5 agosto 2022, ha dichiarato di aver revocato la sua adesione al Gruppo Lega Salvini Sardegna e di aderire al partito politico dei "Riformatori Sardi".

In applicazione dell'art. 20, comma 5 del Regolamento interno la consigliera MELE è confluita nel Gruppo Misto.

Successivamente il Presidente del Consiglio, con nota del 9 agosto 2022, ha autorizzato, ai sensi dell'art. 20, comma 4 del Regolamento, la costituzione a far data dal 10 agosto 2022 del Gruppo consiliare "Riformatori Sardi" che, pertanto, è composto dai consiglieri regionali: Cossa, Mele e Salaris.

Comunico inoltre che in data 19 luglio 2022 è pervenuta a questa Presidenza una petizione concernente: " Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione autonoma della Sardegna".

Ricordo che, a norma dell'articolo 103 del Regolamento interno, il fascicolo relativo a detta petizione è a disposizione dei consiglieri presso la Prima Commissione.

Annunzio di presentazione di proposte di legge

PRESIDENTE. Comunico che sono state presentate le proposte di legge numero 344, 345.

Annunzio di presentazione di disegno di legge

PRESIDENTE. Comunico che è stato presentato il disegno legge numero 346.

Risposta scritta a interrogazioni

PRESIDENTE. Comunico che è stata data risposta scritta alle interrogazioni numero 998, 1008, 1417.

(Risposte scritte pervenute il 19 luglio 2022)

Numero 13, 33, 66, 331, 429, 693, 763, 786, 1000, 1083, 1129, 1136, 1196, 1257, 1261, 1322, 1478, 1517.

(Risposte scritte pervenute il 21 luglio 2022)

Numero 460, 820, 1124, 1316, 1355, 1506.

(Risposte scritte pervenute il 22 luglio 2022)

Numero 1102, 1396.

(Risposte scritte pervenute il 27 luglio 2022)

Numero 1489, 1500, 1502, 1529, 1530.

(Risposte scritte pervenute il 29 luglio 2022)

Numero 1396.

(Risposte scritte pervenute il 2 agosto 2022)

Annunzio di interrogazioni

PRESIDENTE. Si dia annunzio delle interrogazioni pervenute alla Presidenza.

CUCCU CARLA, Segretaria. Sono state presentate le interrogazioni numero 1553, 1554, 1555, 1556, 1557, 1558, 1559, 1560, 1561, 1562, 1563, 1564, 1565, 1566, 1567, 1568, 1569, 1570, 1571, 1572, 1573, 1574, 1575, 1576, 1577, 1578, 1579, 1580, 1581, 1582, 1583.

Annunzio di interpellanze

PRESIDENTE. Si dia annunzio delle interpellanze pervenute alla Presidenza.

CUCCU CARLA, Segretaria. Sono state presentate le interpellanze numero 181 (C-6), 182.

Annunzio di mozioni

PRESIDENTE. Si dia annunzio delle mozioni pervenute alla Presidenza.

CUCCU CARLA, Segretaria. Sono state presentate le mozioni numero 605, 606, 607.

Proclamazione e giuramento di consigliere

PRESIDENTE. Grazie, oggi una seduta una seduta particolare che si svolge, per la prima volta, con l'assenza dell'onorevole Oppi che purtroppo è venuto a mancare qualche giorno fa.

Informo, pertanto, della seguente nota inviatami dal Presidente della Giunta delle elezioni il 3 agosto 2022:

"Comunico alla S.V. Onorevole che la Giunta delle elezioni si è riunita in data 3 agosto 2022 per esaminare la situazione determinatasi a seguito della scomparsa del Consigliere regionale Giorgio Oppi avvenuta in data 26 luglio 2022.

La Giunta stessa fa presente che, dall'esame del verbale delle elezioni del febbraio 2019 redatto dall'Ufficio centrale regionale, risulta che il Consigliere regionale Giorgio Oppi era stato eletto nella lista della circoscrizione di Cagliari avente il contrassegno "Pro Sardinia - Unione di Centro". I candidati della stessa lista e della medesima circoscrizione, che seguono immediatamente l'ultimo eletto, sono nell'ordine:

- Fadda Mario, con cifra individuale 1.522;

- Aroni Alice, con cifra individuale 683;

- Simbula Tonio, con cifra individuale 491.

La Giunta delle elezioni riferisce che, dalle risultanze del verbale delle elezioni regionali del 2019 dell'Ufficio centrale regionale, a causa del decesso del Sig, Mario Fadda, primo dei non eletti della lista avente il contrassegno "Pro Sardinia - Unione di Centro" della circoscrizione di Cagliari, dovrà subentrare all'onorevole Giorgio Oppi la signora Alice Aroni, seconda dei non eletti della medesima lista.".

Sulla base di quanto comunicatomi proclamo eletto consigliere regionale Alice Aroni.

Constatatane la presenza, la invito ad entrare in Aula e a prestare il giuramento prescritto dall'articolo 23 dello Statuto speciale per la Sardegna e dall'articolo 3 del Decreto del Presidente della Repubblica 19 maggio 1949, n. 250.

Invito la nuova consigliera a presentarsi di fronte al banco della Presidenza.

Dò lettura della formula del giuramento, dopo di che la consigliera Aroni risponderà: "Giuro":

"Giuro di essere fedele alla Repubblica e di esercitare il mio ufficio al solo scopo del bene inseparabile dello Stato e della Regione".

ARONI ALICE. Giuro.

PRESIDENTE. Auguri di buon lavoro.

Naturalmente ci riserviamo di ricordare e rendere omaggio all'onorevole Oppi con una commemorazione ufficiale che faremo nella prossima seduta, che consentirà quindi anche la presenza dei familiari. Detto questo, penso che sia comunque opportuno osservare un minuto di silenzio in onore dell'onorevole Oppi.

(L'Aula osserva un minuto di silenzio in segno di lutto)

La seduta di oggi era per procedere appunto al completamento del plenum dell'Assemblea prima di congedarci, però credo che abbia chiesto la parola l'onorevole Mula.

Ha domandato di parlare il consigliere Francesco Mula. Ne ha facoltà.

MULA FRANCESCO (PSd'Az). Grazie Presidente, sull'ordine dei lavori. Solo per chiedere, siccome non siamo venuti a conoscenza di quale sia la programmazione dei lavori, quindi presumo che la settimana di Ferragosto gli uffici saranno chiusi, volevamo chiedere al Presidente la disponibilità di poter lasciare aperti gli uffici dal 22 in poi perché naturalmente abbiamo intenzione di riprendere il lavoro anche con le Commissioni e poter iniziare a fare qualcosa, visto che in questo periodo mi sembra che la nostra operosità non sia stata quella che dovrebbe essere, diciamo questo. Quindi la disponibilità da parte del Presidente di poter tenere gli uffici aperti dal 22 in poi. Grazie Presidente.

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare il consigliere Francesco Agus. Ne ha facoltà.

AGUS FRANCESCO (Progressisti). Grazie Presidente, solo per precisare due cose. L'ultima riunione della Commissione sanità è stata incentrata sulle vicende, sulle problematiche che riguardano l'Ospedale Microcitemico di Cagliari. Ci è stato sollecitato un intervento normativo di modifica della legge numero 24 di riforma della sanità, è un intervento urgente. Io invito i colleghi a prendere contatto col problema anche attraverso le interlocuzioni con i componenti della Commissione sanità, ed è un problema che non si può rimandare oltre settembre. Per quello, Presidente, io condivido l'auspicio e la richiesta dell'onorevole Mula e chiederei a lei di interloquire affinché si possa entrare in Aula il prima possibile con il testo. Le forze di minoranza incaricate in seno alla Commissione sanità hanno già una bozza che vi sarà inoltrata oggi stesso in modo che ogni Gruppo possa prenderne visione ed eventualmente suggerire delle modifiche, però i problemi sono tali da non poter aspettare i tempi che di solito si da questo Consiglio, ancora di più in campagna elettorale. Un altro punto che è stato sollecitato ieri in Conferenza dei Capigruppo, la Commissione insularità ha concluso i lavori su una risoluzione, diciamo che la prossima riunione, qualora fosse possibile farla in tempi brevi, sarebbe anche l'occasione buona per portare questo tema all'ordine del giorno e all'approvazione.

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare la consigliera Desiré Manca. Ne ha facoltà.

MANCA DESIRÈ (M5S). Grazie Presidente, non solo condivido la richiesta del collega Mula, ma la sposo totalmente. Allora Presidente, oltre a ricordare che i lavori, che sono evidentemente sospesi e che sono stati sospesi e che vanno così a rilento, non dipendono da questa parte dell'Aula, anzi la minoranza è sempre stata non solo disponibile, ma ha sempre cercato di invogliare e di incentivare i lavori all'interno del Consiglio regionale. Per cui, Presidente, io mi rivolgo a lei, e ricordo anche che, non i consiglieri regionali, ma tutti i sardi stanno ancora aspettando la legge omnibus, questa legge doveva arrivare prima della chiusura di questa settimana estiva, addirittura noi la stiamo aspettando da quattro mesi. Quindi, caro collega, noi siamo disponibilissimi, speriamo che arrivi questa legge così importante, quindi dal 22 siamo assolutamente pronti e, Presidente, mi rivolgo a lei anche per un altro motivo. Ricordo a tutti, e in primis a me stessa, che tutti gli ospedali, tutte le ASL… Presidente, mi sto rivolgendo a lei, attendo che lei finisca perché non credo che possa ascoltare il collega e ascoltare me contemporaneamente, se vuole attendo, non è un problema, attendo, grazie.

PRESIDENTE. Giustamente mi sta sottovalutando.

MANCA DESIRÈ (M5S). Grazie, due cose contemporaneamente, a meno che un orecchio per il collega e un orecchio per me. Ricordo che tutte le ASL, Presidente, aspettiamo… ricordo, Presidente, che tutte le ASL, tutte, di tutta la Sardegna stanno ancora aspettando le linee guida per poter lavorare. Ricordo che queste linee guida dall'Assessore sono state promesse, anzi ha dichiarato che erano state inviate due mesi fa e invece nessuna ASL ha ricevuto niente, questo paralizza il lavoro di tutte le ASL. Siccome siamo messi benissimo dal punto di vista sanitario, questo non è urgente, Presidente, è urgentissimo, quindi si faccia carico anche lei con l'Assessore, visto che comunque ha anche un discorso diretto aperto con lui.

PRESIENTE. Ha domandato di parlare la consigliera Annalisa Mele. Ne ha facoltà.

MELE ANNALISA (MISTO). Grazie Presidente. Concordo assolutamente con quello che ha appena detto il collega Mula, è necessario che ci incontriamo al più presto possibile per riprendere in maniera spedita i lavori, e altrettanto sono fermamente d'accordo con il collega Agus, per cui in Commissione sanità abbiamo appunto concordato di portare un'urgenza, una modifica alla legge sanitaria regionale. Altresì però vorrei anche ricordare che in urgenza ci sarebbe assolutamente quello di dare legittimazione ai medici del 118 e rivedere un pochettino quella che è la loro attività aggiuntiva per equipararla a quella di tutti gli altri sanitari che adesso lavorano in emergenza. Grazie.

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare il consigliere Pierluigi Saiu. Ne ha facoltà.

SAIU PIARLUIGI (LEGA). Grazie Presidente. Anche io colgo l'occasione, come hanno fatto i colleghi che hanno parlato prima di me intervenendo sull'ordine dei lavori, per manifestare la disponibilità a nome del Gruppo della Lega non solo a riaprire gli uffici il 22, affinché il Consiglio regionale, affinché i consiglieri regionali svolgano l'attività a cui sono chiamati, perché è inutile tenere aperti gli uffici se poi non ci sono testi di legge da discutere. Allora, approfittando appunto dello spazio che mi viene riconosciuto in questa fase, dico anche che la telenovela della omnibus sarebbe il caso di portarla a compimento, dando la disponibilità a nome del Gruppo a discutere un testo agile, leggero, con quattro provvedimenti generali che abbiamo a più riprese promesso alla comunità a partire da quelli sull'artigianato per proseguire con quelli sui Consorzi di bonifica e il settore primario. Noi siamo disponibili ad approvare rapidamente un testo che contenga questi provvedimenti, siamo disposti a farlo nel più breve tempo possibile, che sia dal 22 agosto o che sia prima questo non importa, però assumiamoci la responsabilità del nostro ruolo e della nostra funzione, e quindi a nome del Gruppo la sollecitazione che faccio alla maggioranza e al Consiglio regionale è a vederci quanto prima appunto per affrontare un testo, quello della omnibus, che contenga questi provvedimenti necessari auspicati e di carattere generale, grazie.

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare il consigliere Giampietro Comandini. Ne ha facoltà.

COMANDINI GIAMPIETRO (PD). Grazie Presidente. Anche io concordo con l'amico, collega, compagno Saiu, a cui ricordo che prima di me è un autorevole Capogruppo di maggioranza e di cui molti degli argomenti da lui elencati sono nell'agenda della maggioranza prima ancora che di quest'Aula, agenda di cui purtroppo detta i tempi il Presidente di questa Regione, che sicuramente è impegnato in questi momenti a compilare le liste per le prossime elezioni politiche. Detto questo, noi siamo disponibili dal 22, così come eravamo disponibili a maggio, giugno, aprile, marzo, in tutti quei mesi, in tutti quei tempi in cui quest'Aula ha prodotto pochissimo perché pochissimo è stato proposto da parte della Giunta e altrettanto pochissimo è stato fatto da parte delle Commissioni presiedute sempre da autorevoli colleghi. Per cui, al di là delle battute e al di là delle argomentazioni deboli, Presidente, noi siamo disponibili a lavorare come siamo dall'inizio di questa legislatura. Ci sono argomenti importantissimi, ultimo, ma non ultimo fra gli argomenti importanti e delicati è questo del Microcitemico. Nell'ultima Commissione sanità è stato detto anche da esponenti della maggioranza che c'è la disponibilità di apportare quella santa modifica che possa rendere efficiente il Microcitemico riportandolo all'interno del Brotzu. Riteniamo che l'urgenza sia dettata da un fattore, che se vengono approvate le linee guida quel percorso si rende più difficile, se vogliamo riniziare il 22, facciamola con un provvedimento legislativo che permetta di ridare efficienza al Microcitemico, e soprattutto dia la possibilità di avere un ospedale pediatrico in Sardegna degno del suo nome, cosa che purtroppo non è così dopo lo scorporo del Brotzu, che ha reso inefficiente l'operosità di quell'ospedale e può determinare dal 2023 purtroppo il luogo dei viaggi della speranza per i pazienti più piccoli, più deboli che non ci possiamo permettere.

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare il consigliere Eugenio Lai. Ne ha facoltà.

LAI EUGENIO (LEU-Demos-Possibile). Presidente, il mio e il nostro è un forte imbarazzo, ed è l'imbarazzo che abbiamo mostrato anche ieri nella Conferenza dei Capigruppo, perché l'ha detto bene l'onorevole Comandini poco fa, noi siamo disponibili a lavorare anche stasera. Noi abbiamo proposto ieri nella Capigruppo da parte di tutte le minoranze l'iscrizione all'ordine del giorno del trasferimento del Microcitemico al Brotzu. La maggioranza ci ha chiesto di temporeggiare, in particolare la Lega, perché aveva bisogno di discutere con il proprio Assessore. Ora, Presidente, da nord a sud…

SAIU PIERLUIGI (LEGA). Non è la Lega che ha detto di no, non è la Lega che ha detto di no. Se sei onesto devi dire chi ha detto di no, non è stata la Lega.

LAI EUGENIO (LEU-Demos-Possibile). Presidente, se chiude il telefono ci fa un piacere.

PRESIDENTE. Fate svolgere gli interventi… no, però, onorevole…

LAI EUGENIO (LEU-Demos-Possibile). Presidente, le chiedo rispetto, a me la retorica e la demagogia non piacciono.

PRESIDENTE. Intanto si sente solamente baccano, il baccano che poi si sente nelle registrazioni e viene trascritto ha poco senso. Quindi lei ha il diritto di dire quello che vuole.

LAI EUGENIO (LEU-Demos-Possibile). Nella Conferenza dei Capigruppo di ieri ci è stato detto di non iscriverla oggi all'ordine del giorno nonostante la richiesta esplicita da parte di tutte le opposizioni. Ora ci state dicendo, siete disponibili…

(Interruzioni del consigliere Pierluigi Saiu)

(Segue EUGENIO LAI.) Però, Presidente, non fa, almeno il rispetto. Capisco che c'è un po' di nervosismo.

PRESIDENTE. Onorevole Saiu, non è una scusante. Scusate, altrimenti sospendiamo, riniziamo questo pomeriggio, se se c'è un'altra interruzione sospendo e riniziamo questo pomeriggio.

LAI EUGENIO (LEU-Demos-Possibile). Però, Presidente, noi non siamo disposti a usare il tema dei lavori per la campagna elettorale perché noi siamo disponibili già da stasera, se vuole convocare per stasera alle 16 con al punto all'ordine del giorno il trasferimento del Microcitemico al Brotzu siamo immediatamente disponibili ad approvarlo. Abbiamo detto anche che, aspetti e finisco, anche perché mi ha interrotto per tutto il ragionamento, abbiamo anche detto che avremmo anche concesso alla maggioranza una discussione molto veloce proprio per semplificare i lavori, ci è stato detto di no, ora che ci si dica di lavorare il 22 noi siamo perfettamente d'accordo, non c'è nessun tema, diteci però di che cosa volete discutere visto e considerato che non ci sono leggi approvate, perché le Commissioni non hanno lavorato, che avete un Presidente della Regione che è in fuga perché parrebbe che si voglia candidare in altre sedi per ovviare al vostro fallimento e al suo fallimento di questa Regione. No, Presidente. E diteci anche quando volete affrontare il disastro sulla sanità visto e considerato anche la discussione estremamente vivace che è accaduta ad Olbia, dove esponenti della Giunta regionale hanno sfiduciato lo stesso Assessore regionale della sanità. Noi siamo pronti e siamo i primi a voler votare quella determinata sfiducia, ci facciano sapere i colleghi della maggioranza se vogliono continuare ad andare avanti in quella direzione oppure andremo a votare.

PRESIDENTE. Allora per correttezza e amore della verità è stata fatta una richiesta di inserimento, proposizione di una legge secondo quanto stabilito dall'articolo 102 del nostro Regolamento, che non ha trovato accordo unanime, e si è anche deciso eventualmente di portare la discussione immediatamente in Commissione. Questo è stato detto nel senso che l'ho detto, se vi siete resi disponibili a fare un "102" veloce, altrimenti in alternativa, qualora non ci fosse stata questa disponibilità unanime, si sarebbe potuto far fare alla legge il percorso ordinario in Commissione cercando di accorciare quanto più possibile i tempi. Quindi a onore della verità lo si dica, non c'è stata nessuna contrapposizione in questo senso, ma questi percorsi alternativi sono stati unanimemente assunti dalla Conferenza dei Capigruppo e non c'è bisogno oggi di inserire elementi di contrasto che invece non ci sono stati in Conferenza di Capigruppo. L'assessore Nieddu oggi peraltro aveva dato la disponibilità di essere alle 11 perché, come ricordate, avevamo pensato anche di audire l'Assessore prima del Consiglio regionale alle 11, però si è unanimemente deciso di fare una strada che consentisse maggiori approfondimenti.

Ha domandato di parlare il consigliere Francesco Mura. Ne ha facoltà.

MURA FRANCESCO (FdI). Grazie Presidente. Intanto vorrei suggerire all'onorevole Lai di avere un po' più di prudenza rispetto a quelli che possono essere gli esiti di eventuali fallimenti o eventuali successi perché avete fatto anche altre volte avventate dichiarazioni prima delle elezioni che poi subito vi hanno riportato al vostro ruolo di opposizione non solo qua dentro, ma anche fuori da qua dentro. Quindi attenderei quantomeno l'esito delle elezioni prima di parlare di successi o di fallimenti. L'altra questione che volevo capire, signor Presidente, è se c'è stato qualcuno che abbia detto che il 22 non possiamo lavorare, perché tutti qua stanno annunciando, chiedendo di poter lavorare il 22 quasi come se ci fosse stato qualcuno che si sia messo di traverso per non lavorare dal 22 di agosto. Secondo me è una discussione abbastanza inutile questa ed corretto riportare alla verità quello che diceva l'onorevole Saiu, capogruppo della Lega, che ieri, nella Conferenza dei Capigruppo, sia il Gruppo della Lega che l'assessore Nieddu ci sono resi disponibili a discutere questa mattina, ma io vorrei anche riportare quest'Aula a dare importanza a quella che è la Conferenza dei Capigruppo. Pertanto i lavori si organizzano in quella sede e riterrei più costruttivo evitare di farlo qua, in favore di telecamera, in discussioni che magari potremmo fare nelle sedi opportune. Grazie.

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare il consigliere Francesco Stara. Ne ha facoltà.

STARA FRANCESCO (UDC Sardegna al Centro). Grazie, Presidente. Solo una domanda; io vorrei capire cosa si è discusso in Capigruppo per capire un po' l'ordine dei lavori che si dovranno svolgere…

(Interruzioni)

… scusa, voglio continuare magari poi�� grazie! Sì, si è discusso e infatti si parla del 22, ok? Visto che abbiamo una serie di scadenze comunque importanti, io penso che dovremmo essere operativi già da dopo ferragosto, perché qui siamo tutti bravi ogni volta a dire "lavoriamo, lavoriamo, il 22", allora, il quindici è Ferragosto? Ok, non ci siamo? Il 16 possiamo essere operativi, è di martedì, perché c'è il discorso degli ospedali che è una palla molto importante che dobbiamo giocarci e risolverla maggiormente perché c'è un disastro, non dimentichiamoci Iglesias, Carbonia, Cagliari, Sassari, Nuoro, il discorso della sanità va affrontato in maniera immediata. Quindi io non propongo il 22, io propongo il 16 come data per iniziare a lavorare, perché qui siamo tutti bravi a prenderci la scena poi io sono sicuro che il 22 qua ci sarà la metà delle persone, perché tutti dicono "vogliamo lavorare, vogliamo lavorare" e poi si fa il programma lavori e si decide che quel giorno lì non si può lavorare perché è subito dopo Ferragosto, allora facciamo il 17, no, perché è mercoledì, il 18 è giovedì e allora facciamo direttamente martedì. Bisogna dirci alle tutte, e argomenti ce ne sono perché purtroppo viviamo una situazione non facile, che forse noi tutti conosciamo, un esempio l'abbiamo avuto la settimana scorsa che quasi quasi eravamo ostaggio di quelle persone che erano qui a manifestare, non dimentichiamoci, Presidente, che giustamente stavano manifestando per dei diritti giusti, quindi io dico che bisogna sedersi e iniziare a lavorare. Poi il discorso della Omnibus, la Omnis quando si vuole portare? Non vorremmo portarla a settembre perché, a questo punto, a settembre sappiamo bene che stiamo prendendo in giro i sardi, bisogna dirlo questo! Allora io sono disposto a sedermi anche domani, oggi, anche il giorno di Ferragosto, però dobbiamo lavorare, perché è inutile, con le chiacchiere o fare il solito teatrino qua non serve a nessuno, perché fra un po' ci sarà il discorso delle elezioni, e saranno gli elettori giustamente, come qualcheduno ha detto, che diranno chi ha lavorato bene o chi ha lavorato male, perché qui mi sembra che siamo già in campagna elettorale, tutti, però non so dove porterà questa campagna elettorale; prima pensiamo alla Sardegna, pensiamo al ruolo che ricopriamo noi, iniziamo a lavorare seriamente, ma mattina, sera e notte, ogni giorno se serve, però qualche risultato dobbiamo portarlo, perché non possiamo far finta di niente o dire: "tanto il tempo passa", perché questo è un modus operandi della politica, "lasciamo scorre", no! Non è più tempo di far scorrere niente, è soltanto il tempo di prendere tutti i problemi che ci sono e cercare di almeno provare a risolverli, solo questo dico. Grazie.

PRESIDENTE. È iscritto a parlare il consigliere Emanuele Cera. Ne ha facoltà.

CERA EMANUELE (FI). Grazie, Presidente. Mi pare, io pensavo che ormai dopo la surroga del collega Oppi e l'ingresso della collega pensavo che la riunione si fermasse qua ma mi sembra, dagli interventi che ho sentito, che si stia abbondantemente scivolando nell'ipocrisia, perché noi siamo disponibili, perché no, lo abbiamo sempre dimostrato e siamo disponibili a lavorare, ma dobbiamo lavorare sempre, non alla vigilia delle festività pasquali, natalizie o nel pieno del Ferragosto, qua bisogna essere anche onesti nell'andare a dichiarare. Lavoriamo quando c'è da lavorare! Cioè, andare a proporre di lavorare nella settimana di Ferragosto è ipocrisia allo stato puro, bisogna lavorare sempre! E invece qua si lavora poco. I problemi sono tanti non c'è solo il problema del Microcitemico, è un problema assolutamente di rilevanza ma ci sono mille problemi da affrontare e da risolvere. Quindi l'appello è: noi ci siamo, vogliamo rilanciare? Noi veniamo anche per il giorno di Ferragosto, ma stiamo cadendo nell'ipocrisia! Bisogna lavorare sempre! Veramente è assurdo. Ecco, la campagna elettorale, qualcuno l'ha detto, è iniziata, noi rilanciamo, veniamo a Ferragosto; cosa risolviamo? Non risolviamo nulla! Allora, signori, colleghi, siamo onesti, stiamo perdendo solo tempo, mi dispiace però siamo veramente scivolati nell'ipocrisia. Forza Italia c'è, veniamo a Ferragosto.

PRESIDENTE. Grazie. Direi che siamo arrivati alla fine, la seduta è tolta, stavo per dire "colta"… poco, è tolta, il Consiglio verrà convocato a domicilio. Grazie.

La seduta è tolta alle ore 12 e 53.

Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto