Interrogazione n. 1083/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1083/A

(Pervenuta risposta scritta in data 21/07/2022)

MURA, con richiesta di risposta scritta, sulla inadeguatezza del numero di sensori prescrivibili in età pediatrica per l’automonitoraggio della glicemia.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
– con deliberazione della Giunta regionale n. 46/13 del 10 agosto 2016 sono state approvate le linee di indirizzo regionali per la prescrizione e la gestione della terapia insulinica con microinfusori e con sistemi di monitoraggio continuo in età pediatrica ed in età adulta e per la prescrizione di dispositivi medici per l’autocontrollo della glicemia a domicilio;
– l’allegato 1 della delibera succitata “Linee di indirizzo regionali per la prescrizione e la gestione della terapia con sistema CSM (Continuous Subcutaneous Insulin Infusion), sistema integrato CSII-CGM (Continuous Glucose Monitoring) e monitoraggio continuo della glicemia con sistema CGM stand-alone nei pazienti diabetici adulti (> 18 anni) della Regione Sardegna” prevede:
– Ottimizzazione metabolica mediante utilizzo del sistema integrato microinfusore sensore:
A. pazienti di età < 6 anni:
solo in casi selezionati è necessario o indispensabile (lattanti; bambini con ipoglicemie ricorrenti/severe/inavvertite/notturne; bambini con estrema variabilità glicemica deve essere assicurata una fornitura di sensori sufficiente a garantire un monitoraggio da 275 a 365gg/anno (75/100 per cento del tempo)
numero massimo di sensori prescrivibile/anno: 50;
B. pazienti di età > 6 anni:
solo in casi selezionati che presentino ipoglicemie ricorrenti/severe/inavvertite/notturne o estrema variabilità glicemica per i quali deve essere assicurata una fornitura di sensori in numero sufficiente a coprire il 40 per cento-60 per cento del tempo
numero massimo di sensori prescrivibile/anno: 28
Valutazione del profilo glicemico in pazienti con MDI:
mediante un utilizzo retrospettivo e conseguente adeguamento degli schemi terapeutici (in presenza di ricorrente iperglicemia al risveglio o ipoglicemia unawareness)
numero massimo di sensori prescrivibile/anno: 6;
A. pazienti di età < 6 anni in terapia MDI e ipoglicemie gravi, ricorrenti o inavvertite o con estrema variabilità glicemica, può’ essere richiesta una fornitura sino a 1 sensore/ mese solo su richiesta documentata dal diabetologo curante.
numero massimo di sensori prescrivibile/anno: 12
B. pazienti di età >6 anni in terapia MDI che presentino ipoglicemie frequenti, notturne, inavvertite o estrema variabilità glicemica, si ritiene sufficiente una fornitura sino a 6 sensori/anno.
numero massimo di sensori prescrivibile/anno: 6;

preso atto che la fornitura per i pazienti di età superiore ai 6 anni è palesemente insufficiente per un monitoraggio costante dei valori del sangue, per poter avere un’ottimizzazione metabolica e tenere sotto controllo la malattia e che la carenza di tali presidi determina una interruzione del monitoraggio e conseguentemente il rischio di gravi conseguenze per la loro salute;

rilevato che:
– al fine di sopperire a tale deficit è necessario aumentare il numero di sensori prescrivibili ai pazienti di età superiore ai 6 anni portandoli allo stesso numero di quelli prescrivibili per i pazienti di età inferiore ai 6 anni (ovvero n. 50 per il sistema integrato e per la multi-iniettiva stand-alone e n. 12 per la MDI);
– le moderne tecnologie avanzano in maniera importante e il loro utilizzo potrebbe migliorare di molto la vita dei pazienti diabetici;

considerato che ad oggi non risulta sia stato adottato alcun provvedimento in merito da parte della Giunta regionale nonostante la difficile situazione dei pazienti pediatrici affetti da diabete nonché le loro famiglie, accentuata dalla crisi economica derivante dalla pandemia in atto,

chiede di interrogare l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere:
1) quali siano i motivi ostativi alla modifica della deliberazione della Giunta regionale n. 46/13 del 10 agosto 2016 e dell’allegato 1 nella parte relativa al numero di sensori prescrivibili ai pazienti che utilizzano il sistema integrato microinfusore/sensore, la terapia multi-iniettiva stand-alone e la terapia MDI, prevedendone l’aumento;
2) se non ritenga necessario un intervento urgente al fine di scongiurare l’interruzione del monitoraggio con i sistemi e quindi un peggioramento del trattamento della malattia nei pazienti pediatrici;
3) se non ritenga di dover prevedere la possibilità di utilizzo e prescrivibilità delle nuove tecnologie disponibili sul mercato.

Cagliari, 16 giugno 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto