Mozione n. 534

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Mozione n. 534

GIAGONI – ENNAS – MANCA Ignazio – MELE – PIRAS – SAIU sulla possibilità di favorire l’ingresso della Regione come azionista pubblico di minoranza della neo costituita compagnia aerea ITA.

***************

IL CONSIGLIO REGIONALE

PREMESSO che:
– il sistema e la rete del trasporto aereo, che dovrebbe garantire la piena mobilità dei cittadini sardi, da e per l’isola, risente fortemente della mancanza di un vettore eminentemente “regionale” che svolga un ruolo da attore principale nel garantire una rete di collegamenti efficienti, regolari ed a costi accettabili per l’utenza;
– la Commissione europea si è pronunciata favorevolmente, senza sollevare eccezioni di merito, riguardo l’istituzione di vettori regionali, anche a partecipazione pubblica, adibiti a garantire i servizi in continuità territoriale per le regioni insulari o disagiate, come nel caso di specie dell’Air Corsica e del cosiddetto “Modello corso”, quale sistema ottimale, integrato ed efficiente di trasporto aereo regionale;
– il nuovo vettore nazionale, denominato ITA è costituito da un capitale azionario pubblico, in capo al Ministero economia e finanza;
– la società AIR-ITALY spa, con delibera del consiglio d’amministrazione del 20 febbraio 2020, ha disposto la liquidazione “in bonis”, cessando contestualmente tutte le sue operazioni di trasporto aereo;
– è stata avviata una procedura di licenziamento collettivo ai sensi della legge 23 luglio 1991 n. 223 e tutto il personale, consistente in circa 1400 unità, è stato posto in CIGS, il cui termine scadrà il prossimo 31 dicembre 2021;
– in mancanza di un provvedimento di legge, che possa prevedere un prolungamento dell’ammortizzatore sociale, tutto il personale verrà licenziato dal primo gennaio 2022;
– il personale della compagnia AIR-ITALY in liquidazione, sia di terra che navigante, esprimono un compendio di sinergie di altissimo profilo professionale e tecnico, che rappresentano un patrimonio del territorio da non disperdere, ed idoneo ad essere impiegato in un eventuale vettore regionale;
– l’articolo 10 del decreto legge n. 146 del 2021 dispone l’ammortizzatore sociale soltanto per le società di trasporto aereo in amministrazione straordinaria Alitalia ed Alitalia city-liner;
– all’atto della mozione, non è stato varato alcun provvedimento di legge che consenta di garantire il sostegno al reddito anche per i lavoratori di AIR-ITALY;

ATTESO che:
– lo sforzo e l’impegno profusi da tutte le istituzioni e gli enti coinvolti per garantire la mobilità dei cittadini, ancorché ingente e determinato, non ha ancora individuato una soluzione strutturale ed a lungo termine;
– i vettori “low-cost” impegnati nel garantire i collegamenti con la nostra regione, pur avendo i requisiti tecnico-operativi per svolgere trasporto aereo, rappresentano un modello di impresa i cui principi di alta competitività ed esasperata efficienza nella gestione dei costi, difficilmente si attagliano alle esigenze di una utenza insulare, con le varie fattispecie di passeggeri che dovrebbero esser in grado di gestire e trasportare (come per esempio i cittadini con mobilità ridotta),

impegna il Presidente della Regione, l’Assessore regionale dei trasporti
e l’Assessore regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale a:

1) intraprendere e promuovere l’interlocuzione delle Istituzioni regionali competenti con il Ministero dell’economia e delle finanze, azionista di riferimento della neo nata compagnia “ITA”, al fine di favorire l’ingresso della Regione nell’azionariato della stessa, come azionista pubblico di minoranza;
2) delineare un percorso industriale che, nell’ambito del perimetro societario di “ITA”, punti alla creazione di un vettore regionale, che possa garantire la mobilità in continuità territoriale ai cittadini sardi.

Cagliari, 19 novembre 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto