Interrogazione n. 1613/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1613/A

(Pervenuta risposta scritta in data 10/10/2022)

LI GIOI, con richiesta di risposta scritta, sulla chiusura anticipata del regime di continuità territoriale aerea da e per la Sardegna.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
– in data 25 ottobre 2021 si è svolta la Conferenza di servizi presieduta dall’Assessore regionale dei trasporti, delegato del Presidente della Regione al Servizio per il trasporto marittimo e aereo e continuità territoriale della Sardegna, nell’ambito della quale è stato approvato il nuovo “Schema di allegato tecnico” ovvero lo schema di imposizione degli oneri di servizio pubblico da e per la Sardegna;
– con la deliberazione della Giunta regionale n. 43/35 del 29 ottobre 2021, concernente “Deliberazione della Giunta regionale n. 41/20 del 19 ottobre 2021 “Legge 17 maggio 1999, n. 144, articolo 36 e regolamento CE n. 1008/2008. Individuazione dei nuovi oneri di servizio pubblico sui servizi aerei di linea per garantire la continuità territoriale della Sardegna”, è stato approvato lo Schema di imposizione di oneri di servizio pubblico e invio al Consiglio regionale ai sensi dell’articolo 2, comma 2, della legge regionale 13 aprile 2010, n. 10″;
– con la deliberazione della Giunta regionale n. 44/23 del 9 novembre 2021, concernente “Deliberazione della Giunta regionale n. 41/20 del 19 ottobre 2021 “Legge 17 maggio 1999, n. 144, articolo 36 regolamento CE n. 1008/2008. Individuazione dei nuovi oneri di servizio pubblico sui servizi aerei di linea per garantire la continuità territoriale della Sardegna”, è stato approvato il definitivo Schema di imposizione di oneri di servizio pubblico e invio al Consiglio regionale ai sensi dell’articolo 2, comma 2, della legge regionale 13 aprile 2010, n. 10;
– con il decreto ministeriale n. 466 del 25 novembre 2021 del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, che, in conformità alle decisioni assunte in sede di Conferenza di servizi svoltasi sotto la Presidenza della Regione autonoma della Sardegna in data 25 ottobre 2021, ha imposto oneri di servizio pubblico, tra gli altri:
– sul servizio aereo di linea Olbia – Milano Linate e viceversa;
– sul servizio aereo di linea Cagliari – Roma Fiumicino e viceversa;
– sul servizio aereo di linea Cagliari – Milano Linate e viceversa;
– sul servizio aereo di linea Olbia – Roma Fiumicino e viceversa;
– sul servizio aereo di linea Olbia – Milano Linate e viceversa;
– con la nota informativa di cui all’articolo 16, paragrafo 4, del regolamento CE n. 1008/2008, pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C524 del 29 dicembre 2021 è stata resa nota l’imposizione di oneri di servizio pubblico, con decorrenza dal 15 maggio 2022, sulle rotte Cagliari – Milano Linate e viceversa, Cagliari – Roma Fiumicino e viceversa, Olbia – Milano Linate e viceversa, Olbia – Roma Fiumicino e viceversa, Alghero – Milano Linate e viceversa, Alghero Roma Fiumicino e viceversa;
– ai sensi dell’articolo 5 del decreto ministeriale n. 466 del 2021, nel caso in cui nessun vettore aereo dichiarerà alla Regione l’intenzione di istituire servizi aerei di linea rispondenti agli oneri di servizio pubblico sulla rotta in oggetto, per almeno 12 mesi, senza usufruire di diritti esclusivi e senza ricevere una compensazione finanziaria, il diritto all’esercizio dei servizi aerei di linea sulla rotta Cagliari – Roma Fiumicino e viceversa potrà essere concesso, ai sensi degli articoli 16, paragrafi 9 e 10, e 17 del regolamento (CE) n.1008/2008, in esclusiva ad un unico vettore, tramite gara pubblica, per un periodo due anni;
– con la determinazione Prot. 5372 n. 92 del 1° marzo 2022 con la quale è stata indetta la procedura di gara aperta, per la gestione in esclusiva del servizio aereo delle linee sopra citate;
– l’efficacia del bando di gara è subordinata alla condizione che nessun vettore aereo comunitario comunichi alla Regione l’intenzione di iniziare ad operare i servizi aerei onerati sulle rotte sopra citate senza usufruire di diritti esclusivi e senza ricevere una compensazione finanziaria, per un periodo non inferiore a 12 mesi, durante tutto il semestre di pubblicazione dell’avviso di gara di cui all’articolo 17, paragrafo 4, del Regolamento (CE) n.1008/2008, e comunque fino alla data di sottoscrizione dell’eventuale contratto con il vettore selezionato tramite la gara pubblica;
– il 22 marzo 2022 la società Volotea S.L. ha presentato formale e integrale dichiarazione di accettazione transitoria degli oneri di servizio pubblico relativamente alla rotta Cagliari – Roma Fiumicino e viceversa, per il periodo dal 15 maggio al 30 settembre 2022, senza usufruire di diritti esclusivi e senza ricevere compensazione finanziaria (Prot. Dir. Gen. Trasporti n. 6905 del 23 marzo 2022);
– il 23 marzo 2022 la società Italia Trasporto Aereo ITA Spa (di seguito ITA Spa) ha presentato formale e integrale dichiarazione di accettazione, ai sensi dell’articolo 4 del decreto ministeriale n. 466 del 2021, e successive modifiche e integrazioni, degli oneri di servizio pubblico relativamente alla rotta Cagliari – Milano Linate e viceversa, per il periodo dal 15 maggio 2022 al 14 maggio 2023, senza usufruire di diritti esclusivi e senza ricevere compensazione finanziaria (Prot. Dir. Gen. Trasporti n. 6960 del 23 marzo 2022);
– il 23 marzo 2022 la società ITA Spa ha presentato formale e integrale dichiarazione di accettazione, ai sensi dell’articolo 4 del decreto ministeriale n. 466 del 2021, e successive modifiche e integrazioni, degli oneri di servizio pubblico relativamente alla rotta Olbia – Roma Fiumicino e viceversa, per il periodo dal 15 maggio 2022 al 14 maggio 2023, senza usufruire di diritti esclusivi e senza ricevere compensazione finanziaria (Prot. Dir. Gen. Trasporti n. 6961 del 23 marzo 2022);
– il 23 marzo 2022 la società ITA Spa ha presentato formale e integrale dichiarazione di accettazione, ai sensi dell’articolo 4 del decreto ministeriale n. 466 del 2021, e successive modifiche e integrazioni, degli oneri di servizio pubblico relativamente alla rotta Olbia – Milano Linate e viceversa, per il periodo dal 15 maggio 2022 al 14 maggio 2023, senza usufruire di diritti esclusivi e senza ricevere compensazione finanziaria (Prot. Dir. Gen. Trasporti n. 6962 del 23 marzo 2022).

considerato che:
– è notizia di questi ultimi giorni la chiusura anticipata del regime di continuità territoriale aerea da e per la Sardegna senza compensazioni che è stato garantito finora da Ita e Volotea;
– le due compagnie avevano dato la disponibilità a coprire le tratte per 12 mesi, dal 15 maggio 2022 al 14 maggio 2023 ma non è già più possibile prenotare un volo su Volotea dopo il 12 febbraio;
– nelle scorse settimane i due vettori hanno trasmesso alla Regione due lettere nelle quali avevano anticipato di voler rinunciare alla gara non compensata adducendo tra le motivazioni il caro carburanti;
– per legge sono tenute a volare per altri sei mesi: la fine del regime senza compensazioni si concretizzerà dunque a marzo, due mesi prima della scadenza naturale della sperimentazione;

rilevato che:
– risulta che Volotea abbia recentemente confermato il recesso anticipato al 12 febbraio anziché metà maggio per i voli agevolati a fronte dell’aumento dell’inflazione e dell’attuale costo del carburante;
– nella nota Volotea precisa che la continuità rappresenta un importante strumento di sostegno agli spostamenti dei cittadini e viene effettuata dalle compagnie aeree a prezzi al di sotto di quelli di mercato e che senza un sistema adeguato di compensazioni economiche, questo regime tariffario non risulta sostenibile e costringe Volotea, nonostante la volontà della compagnia di rimanere a lungo termine in Sardegna, a cessare anticipatamente i voli, con conseguenti ricadute occupazionali dirette e sull’indotto;
– secondo quanto riportato dalla stampa sembra che Volotea stia proseguendo a dialogare con tutte le istituzioni sarde coinvolte, al fine di trovare al più presto una soluzione sinergica che le consenta di proseguire a volare, anche dopo febbraio 2023, in regime di continuità;
– appare evidente che le forti responsabilità dell’Amministrazione regionale in merito alla situazione determinatasi sui cieli della Sardegna graveranno pesantemente sui sardi e sul diritto alla mobilità,

chiede di interrogare il Presidente della Regione anche nella sua qualità di Assessore regionale dei trasporti per sapere:
1) se sia a conoscenza della problematica sopra rappresentata;
2) quale sia lo stato delle interlocuzioni intercorse con il vettore Volotea;
3) quale sia la strategia che intende adottare la Regione al fine di raggiungere l’agognata equità e omogeneità nella gestione delle rotte operate sui tre aeroporti dell’isola per garantire il diritto alla mobilità dei sardi senza sperequazioni tra i territori;
4) quali azioni intendano mettere in atto affinché la compagnia aerea Ita Airways, che opera in regime di continuità territoriale da e per la Sardegna, rispetti le fasce orarie previste dal bando di continuità territoriale aerea in vigore e ripristini il volo delle ore 7 in partenza da Olbia verso Milano Linate.

Cagliari, 21 settembre 2022

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto