Interrogazione n. 1610/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1610/A

MANCA Desirè Alma, con richiesta di risposta scritta, sull’interruzione del servizio di supporto psicologico per i pazienti non ricoverati erogato presso l’ospedale Santissima Annunziata di Sassari e presso le cliniche San Pietro.

***************

La sottoscritta,

premesso che:
– le visite psicologiche ambulatoriali garantite dagli psicologi in servizio presso l’ospedale Santissima Annunziata di Sassari e nelle cliniche San Pietro a tutti i pazienti del Nord Sardegna in cura presso i presidi sopra citati subiranno delle modifiche, con un notevole prolungamento delle tempistiche di attesa tra una seduta e l’altra;
– tutti i pazienti non ricoverati in ospedale o nelle cliniche sassaresi sopra citate d’ora in avanti verranno inseriti in lista d’attesa a causa della carenza di psicologi presso il reparto di Psicologia dell’AOU;
– attualmente l’organico del reparto di Psicologia è formato da due psicologi, tra cui il primario, che saranno costretti a limitarsi alle emergenze riguardanti i degenti;

considerato che:
– l’AOU, sin dallo scorso maggio, ha presentato all’ARES diverse richieste di personale che non hanno avuto seguito: la prima richiesta è del maggio di quest’anno, a seguito del concorso svoltosi presso la struttura ospedaliera Brotzu di Cagliari, la seconda è stata inviata all’ARES il 29 luglio 2022 e la terza risale allo scorso settembre;
– le conseguenze di questo provvedimento sono estremamente gravi: considerato che decine di pazienti malati oncologici, in fin di vita, o con problematiche serie e delicate non potranno più accedere al servizio ambulatoriale ospedaliero se non dopo aver atteso tempistiche lunghe e inaccettabili;

evidenziato che:
– il reparto di Psicologia non può essere considerato un servizio opzionale in nessun ospedale che si rispetti;
– basti considerare che solo l’anno scorso, in epoca Covid, gli psicologi di Sassari hanno svolto migliaia di colloqui con i pazienti ricoverati; colloqui che, tra l’altro, non sono mai stati contabilizzati in nessun sistema operativo e di cui oggi non c’è contezza;
– tantissimi pazienti non potranno più essere seguiti e non possono assolutamente essere abbandonati nei loro percorsi di cura;
– non è ammissibile che i cittadini debbano pagare uno specialista privato perché le tempistiche di accesso alle cure pubbliche sono diventate inaccettabili,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere:
1) se siano a conoscenza della problematica sopra rappresentata;
2) quali azioni intendano mettere in atto affinché l’ARES si attivi con urgenza al fine di bandire una selezione per il reclutamento di nuovi psicologi da destinare al reparto di Psicologia dell’AOU di Sassari e alle cliniche San Pietro.

Cagliari, 19 settembre 2022

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto