Interrogazione n. 1603/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1603/A

ORRÙ – CADDEO – COCCO – LAI, con richiesta di risposta scritta, sulle modalità e l’esito della selezione del Direttore dell’ufficio speciale dell’Autorità di gestione del programma Eni CBC Bacino del Mediterraneo, ex articolo 2, comma 3, lettera f), della legge regionale 21 giugno 2021, n. 10.

***************

I sottoscritti,

premesso che l’Ufficio speciale dell’Autorità di gestione del programma Eni CBC Bacino del Mediterraneo, istituito con la legge regionale 29 maggio 2007, n. 2, per gestire il Programma operativo congiunto ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007 – 2013, è stato autorizzato a proseguire la propria attività a supporto del programma operativo congiunto ENI CBC Bacino del Mediterraneo dall’articolo 60 della legge regionale 11 gennaio 2019, n. 1;

dati:
– l’importanza strategica della struttura e il ruolo di Autorità di gestione attribuito alla Regione Sardegna – ruolo ambito da diverse altre regioni italiane – che rende l’Amministrazione responsabile della gestione del Programma conformemente al principio di sana gestione finanziaria e garantisce che le decisioni del comitato congiunto di controllo siano conformi alla legislazione e alle disposizioni previste dalla normativa comunitaria;
– le molteplici e delicate funzioni dell’Ufficio esplicitate all’articolo 26 del regolamento di esecuzione (UE) n. 897/2014 della Commissione del 18 agosto 2014 con le disposizioni specifiche per l’esecuzione dei programmi di cooperazione transfrontaliera finanziati nel quadro del regolamento (UE) n. 232/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, istituendo in tale modo uno strumento europeo di vicinato;

considerato inoltre che:
– tra le funzioni attribuite dal regolamento di cui sopra, l’Autorità di gestione istituisce e gestisce un sistema informatizzato di registrazione e memorizzazione dei dati relativi a ciascun progetto, necessari per la sorveglianza, la valutazione, la gestione finanziaria, il monitoraggio, il controllo e l’audit dei circa 80 progetti di cooperazione in fase di implementazione in tutto il bacino Mediterraneo;
– tra gli impegni a breve per il proseguimento di ENI CBC MED spiccano, a titolo meramente esemplificativo: la EU Sustainable Energy Week a Bruxelles, la United Nations Climate Change Conference “COP27” a Sharm El Sheikh ed il Mediterranean Day;
– la complessità del ruolo di direzione dell’Ufficio richiede la necessità di individuare un altissimo profilo per far fronte alle complesse funzioni della struttura tanto da dover essere notificato alla Commissione europea ai sensi dell’articolo 25, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 897/2014;

rilevato tuttavia che:
– la Regione Sardegna, di fronte alla posizione vacante, ha indetto una procedura differente da quella utilizzata, a titolo esemplificativo, per selezionare il precedente Direttore dell’ufficio con la deliberazione n. 39/22 dell’8 ottobre 2021 “Attribuzione delle funzioni di Direttore generale della Direzione generale dell’Ufficio Eni CBC Bacino del Mediterraneo”, attingendo dall’elenco dei Direttori Generali approvato con determinazione n. 0001302 prot. n. 0024710 del 21 luglio 2021 a seguito della manifestazione di interesse a ricoprire gli incarichi di Direttore generale nell’Amministrazione regionale indetta con deliberazione n. 27/14 del 9 luglio 2021;
– con deliberazione n. 27/8 del 25 agosto 2022 è stato nominato come direttore dell’Ufficio un dirigente esterno, non compreso nell’elenco dei Direttori già approvato dalla Giunta, di cui non è stato reso pubblico il curriculum e del quale non si evince in maniera inequivocabile il possesso di adeguato profilo e competenze atte a esercitare il complesso ruolo richiesto dalla struttura, a fronte di quelle dei competitors che hanno partecipato alla selezione,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore degli affari generali, personale e riforma della Regione per sapere:
1) le ragioni per cui nella deliberazione n. 27/8 del 25 agosto 2022 con la nomina del Direttore dell’Ufficio speciale dell’Autorità di gestione del Programma Eni CBC Bacino del Mediterraneo non siano state esplicitate le ragioni e la motivazione di fondo che ha reso necessaria l’adozione di una procedura diversa dalla prassi ordinaria per la selezione, non codificata dalla normativa regionale;
2) la motivazione per cui non è stato reso pubblico il curriculum del vincitore e le ragioni che hanno portato l’amministrazione a ritenerlo il più idoneo a ricoprire il ruolo;
3) se siano consapevoli del grave rischio cui espongono la Regione Sardegna nel caso in cui la Commissione europea non valuti altrettanto adeguato il profilo del vincitore, mettendo in pericolo la stessa sussistenza della nostra Regione come autorità di gestione del programma Eni CBC Bacino del Mediterraneo per il settennio di programmazione 21-27.

Cagliari, 15 settembre 2022

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto