Interrogazione n. 1519/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1519/A

LI GIOI, con richiesta di risposta scritta, sulla paventata chiusura del reparto di Psichiatria dell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
– con la mozione n. 569 del 9 marzo 2022 e le interrogazioni n. 1299/A e 823/A, rispettivamente del 28 dicembre 2021 e 8 gennaio 2021, il sottoscritto ha denunciato il progressivo depauperamento dei servizi sanitari pubblici nel territorio gallurese, a partire dalle gravi problematiche inerenti all’ospedale Giovanni Paolo II e imputabili fondamentalmente alla carenza di personale sanitario;
– con riferimento a tale presidio ospedaliero risulta di particolare gravità la progressiva riduzione della pianta organica del reparto di Psichiatria;
– attualmente i medici in organico sono sei;
– quattro di questi medici sono risultati vincitori di un concorso indetto da ARES, pertanto tre di loro si trasferiranno a Sassari mentre uno andrà a Cagliari;
– alla luce della riduzione del numero dei medici disponibili a seguito di tali trasferimenti, nel reparto di Psichiatria di Olbia resteranno in organico soltanto due medici, di cui uno andrà in pensione il 31 dicembre 2022;
– a seguito del pensionamento previsto a fine anno, resterà soltanto un medico in servizio, e ciò determinerebbe la chiusura del reparto stesso, che non sarebbe più in grado di operare in tali condizioni;

considerato che:
– il reparto di Psichiatria dell’ospedale Giovanni Paolo II offre un servizio indispensabile per il bacino di utenti della Gallura e per i turisti;
– nel 2021 sono stati eseguiti 235 ricoveri, mentre ad oggi, nel corso del 2022, ne sono già stati effettuati 160;
– ai ricoveri si aggiungono anche da tre a quattro consulenze quotidiane al Pronto soccorso, dove vengono accolti i pazienti tossicodipendenti e alcolisti a causa degli effetti psicotici derivanti dall’uso di sostanze;

sottolineato che:
– la chiusura del reparto di Psichiatria determinerebbe l’obbligo di trasferimento di tali casi e degli eventuali TSO presso gli ospedali di Sassari e Nuoro con l’ambulanza;
– la chiusura di un reparto indispensabile come quello di Psichiatria comporterebbe un grave disagio per i pazienti e per le famiglie che dovrebbero farsi carico della gestione di problematiche delicate e complesse in assenza di una struttura medica di riferimento,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere:
1) se siano a conoscenza della problematica sopra esposta;
2) se non ritengano necessario e urgente attivarsi al fine di garantire il potenziamento della pianta organica del reparto di Psichiatria dell’ospedale Giovanni Paolo II al fine di scongiurarne la chiusura.

Cagliari, 29 giugno 2022

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto