Interrogazione n. 1507/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1507/A

COMANDINI – GANAU – CORRIAS – DERIU – MELONI – MORICONI – PINNA – PISCEDDA, con richiesta di risposta scritta, sulla delibera della Giunta regionale n. 18/82 del 10 giugno 2022 “Requisiti, criteri, durata, modalità di accesso e modalità di rendicontazione delle misure a sostegno di progetti, iniziative e manifestazioni pubbliche di grande interesse turistico. Cartelloni tematici per le annualità 2022-2023-2024. legge regionale n. 7 del 21 aprile 1955, articolo 1, lett. c)”, con particolare riferimento al cartellone regionale delle manifestazioni folkloristiche e tradizionali.

***************

I sottoscritti,

premesso che la legge regionale 21 aprile 1955, n. 7 (Provvedimenti per manifestazioni, propaganda e opere turistiche), ha come scopo quello di incrementare lo sviluppo del turismo nel territorio della Regione, anche attraverso il finanziamento di manifestazioni pubbliche di grande interesse turistico, che determinano particolare afflusso di turisti nelle località ove la manifestazione ha luogo;

vista la delibera della Giunta regionale n. 18/82 del 10 giugno 2022 “Requisiti, criteri, durata, modalità di accesso e modalità di rendicontazione delle misure a sostegno di progetti, iniziative e manifestazioni pubbliche di grande interesse turistico. Cartelloni tematici per le annualità 2022-2023-2024. legge regionale n. 7 del 21 aprile 1955, articolo 1, lett. c)”;

considerato che l’allegato 2/B della delibera n. 18/82 del 10 giugno 2022 – Cartellone regionale delle manifestazioni folkloristiche e tradizionali, al punto 5.6 attribuisce Punteggio riferito alle attività. Al fine della valorizzazione del canto a tenore (inserito dall’UNESCO tra i “Patrimoni orali e immateriali dell’umanità”) e del canto a chitarra, si possono attribuire sino ad un massimo di punti 10,

chiede di interrogare l’Assessore regionale del turismo, artigianato e commercio per sapere:
1) quali siano le motivazioni che hanno portato ad attribuire un punteggio riferito alle sole attività del canto a tenore e se non ritenga che questa scelta sia penalizzante per le altre attività non meno importanti;
2) se si è individuato l’organismo e le modalità che saranno in grado di valutare e quindi attribuire correttamente il punteggio per le attività del canto a tenore;
3) nel caso l’organismo e le modalità di cui sopra siano state già individuate si chiede di sapere chi sia stato individuato quale organo valutante e le competenze dello stesso per poter valutare, le modalità e i criteri di valutazione.

Cagliari, 17 giugno 2022

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto