Visitare il Consiglio

Il Consiglio regionale, l’organo legislativo della Regione autonoma della Sardegna, il Parlamento dei Sardi, esercita funzioni di controllo e di indirizzo sull’organo esecutivo della Regione autonoma della Sardegna, la Giunta regionale.

La sede dell’Assemblea legislativa è dal 1988 nella via Roma n.25 e copre un’area di 3200 metri quadri, articolati in tre corpi dei quali, quello centrale, ospita l’Aula consiliare.

L’elemento visivo che maggiormente caratterizza l’edificio è il materiale di cui è uniformemente rivestito nelle pavimentazioni interne ed esterne: il granito. Le grandi e specchianti lastre di granito sembrano creare una sorta di “lago salato”, effetto fortemente voluto da Costantino Nivola per ambientare le sue sculture.

L’artista sardo è infatti l’autore delle monumentali sculture che contornano il palazzo, realizzate tra il 1986 e il 1987, in marmo, travertino e granito rappresentanti figure femminili legate ai valori ancestrali della natura, della vita, della fertilità, della forza, e alla memoria antropologica della terra sarda.

Queste figure sono espressione di una straordinaria capacità di sintesi linguistica che mette insieme ispirazioni differenti, cubiste, surrealiste e primitiviste. Nivola ha inoltre graffito, su disegno dell’artista dorgalese Salvatore Fancello, gli enormi pannelli granitici posti su alcune facciate esterne del Palazzo.

I lavori per la realizzazione di un garage interrato nell’area retrostante il palazzo hanno condotto, nel 1994, al ritrovamento di manufatti scavati nella roccia: pozzi, cisterne, vasche e cavità contenenti offerte funerarie di epoca romana, residui del lembo meridionale della necropoli che, in epoca imperiale, occupava l’area della parte alta del viale Regina Margherita.

E’ possibile visitare il palazzo nelle giornate di ‘MONUMENTI APERTI’.
La manifestazione annuale ‘MONUMENTI APERTI’ consente a tutti di visitare con facilità la sede del Consiglio regionale della Sardegna.
Per scuole, enti e gruppi organizzati sono possibili visite guidate nei giorni feriali (escluso il sabato) previa richiesta su carta intestata della scuola o dell’ente sottoscritta dai responsabili. La richiesta deve essere indirizzata, con le stesse modalità previste per le Visite scolastiche, comprendendo anche la possibilità di assistere alla seduta dell’Assemblea.

Visite scolastiche

Il Consiglio Regionale accoglie gli studenti per visite formative all’interno della propria sede. Bambini e ragazzi possono così conoscere quali sono e come si esercitano le funzioni dell’Assemblea consiliare e incontrare i Consiglieri regionali.

Le visite si svolgono in Aula consiliare, di norma, nel periodo da ottobre a giugno.
Ciascuna visita dura circa 2 ore.
Il numero dei partecipanti non può superare le 50 unità, più cinque accompagnatori.

Per organizzare una visita al Consiglio regionale è necessario compilare una richiesta firmata dal dirigente scolastico e indirizzata al Presidente del Consiglio.

La richiesta può essere inviata:

Qualora vi sia una seduta in corso, gli studenti possono assistere ad una riunione del Consiglio dal settore riservato al pubblico e nei limiti dei posti disponibili, oppure possono visitare altri luoghi, quali le sale di riunione delle commissioni e la biblioteca.

Visite di gruppi organizzati

Il Consiglio regionale accoglie anche gruppi organizzati e associazioni che vogliono conoscere l’attività dell’Assemblea, la vita dell’Istituzione.

Il Consiglio regionale si fa conoscere dalla viva voce di politici, esperti e funzionari anche in percorsi personalizzati per approfondire temi regionali di interesse.

Per organizzare una visita è necessario compilare una richiesta firmata dal responsabile del gruppo/associazione e indirizzata al Presidente del Consiglio.

La richiesta può essere inviata: