Mozione n. 573

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Mozione n. 573

MULA – FANCELLO – GALLUS – LANCIONI – MAIELI – MARRAS – SATTA Giovanni – SCHIRRU – USAI sulla necessità di impegnare il Presidente della Regione e la Giunta a porre al centro dell’agenda di governo la valutazione di qualsiasi azione possa essere intrapresa per fornire risposte e interventi immediati sul caro bollette e sul caro carburante e a potenziare le interlocuzioni con il Governo nazionale, sollecitando misure tempestive e indicazioni politiche chiare e certe, che diano sicurezza e annullino l’effetto panico che si sta diffondendo nella popolazione e che sta alla base delle speculazioni in atto.

***************

IL CONSIGLIO REGIONALE

PREMESSO che:
– la guerra scoppiata con l’attacco all’Ucraina da parte della Russia ha creato e sta alimentando, giorno dopo giorno, una incalcolabile emergenza umanitaria a cui si aggiunge una crisi socio-economica sempre più pesante su tutto il territorio europeo;
– la vicinanza geografica dei territori colpiti dal conflitto e i legami economici e sociali instaurati con essi negli anni, potenziati dalla globalizzazione, fanno sì che gli effetti di questa crisi siano immediati anche sulla nostra Regione;

CONSIDERATO che:
– gli equilibri sociali ed economici, già messi a dura prova da due anni di pandemia Covid-19, rischiano di saltare pericolosamente a causa di questa nuova crisi, che colpisce direttamente imprese e famiglie;
– nella società sarda si sono già verificati preoccupanti episodi come le code ai supermercati e ai distributori di carburante per l’accaparramento scorte, dovuti, in verità, alla diffusione di una fake-news, ma sintomatici della fragilità di una popolazione già stremata da enormi sacrifici;

RILEVATO che:
– il caro-carburante, oggetto della protesta degli autotrasportatori nei giorni scorsi, se non calmierato, rischia di provocare il blocco totale di ogni tipo di attività, con conseguenze gravissime;
– già prima dello scoppio della guerra si è verificato un aumento spropositato delle bollette dell’energia elettrica, con costi raddoppiati per imprese e famiglie;
– in generale, da diversi mesi si registra un costante aumento dei prezzi;
– è ormai in atto, con tutta evidenza, un fenomeno speculativo che va al di là delle implicazioni della guerra stessa, fondato sulla paura che vengano a mancare i beni di prima necessità;

RITENUTO che la popolazione abbia bisogno:
– di risposte e interventi immediati che agiscano subito sul caro bollette e sul caro carburante;
– di indicazioni politiche chiare e certe che diano sicurezza e annullino l’effetto panico che sta alla base delle speculazioni,

impegna il Presidente della Regione e la Giunta regionale

1) a porre al centro dell’agenda di governo la valutazione di qualsiasi azione possa essere intrapresa per fornire risposte e interventi immediati sul caro bollette e sul caro carburante;
2) a potenziare le interlocuzioni con il Governo nazionale, sollecitando misure tempestive e indicazioni politiche chiare e certe, che diano sicurezza e annullino l’effetto panico che si sta diffondendo nella popolazione e che sta alla base delle speculazioni in atto.

Cagliari 16 marzo 2022

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto