Interrogazione n. 468/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 468/A

CUCCU, con richiesta di risposta scritta, sulle carenze strutturali del Pronto soccorso del Presidio ospedaliero SS. Trinità, Covid-19 hospital della Sardegna.

***************

La sottoscritta,

premesso che:
– il Presidio Ospedaliero SS. Trinità è diventato il primo Covid-19 Hospital della Sardegna;
– la tensostruttura utilizzata per il pre-triage allestita all’esterno del Pronto soccorso e la professionalità del personale medico, paramedico e tecnico hanno garantito la massima sicurezza agli utenti e agli stessi operatori sanitari, evitando situazioni di rischio;

dato atto che:
– tale misura precauzionale è di fondamentale importanza per il controllo preventivo dei pazienti che si recano al Pronto soccorso con sintomatologia compatibile al Covid-19;
– tale percorso dedicato punta a massimizzare la qualità dell’assistenza e della cura nell’interesse della salute dei cittadini;

rilevato che:
– come appreso dalla stampa, domenica 17 maggio 2020, nel corso della mattinata, presso il Pronto soccorso dell’Ospedale SS. Trinità, c’è stato un forte afflusso di pazienti con sintomi riconducibili al Covid-19, quali febbre e dispnea (l’articolo riferisce dell’arrivo di una ventina di ambulanze nel lasso di tempo di un’ora e mezza);
– i quattro container e gli ambulatori destinati ad ospitare questi pazienti si sono ben presto rivelati insufficienti, costringendo alla chiusura del triage, trasformato in “zona grigia” adibita alla permanenza dei pazienti in attesa di tampone, mentre l’accettazione avveniva nel punto del Pronto soccorso utilizzato generalmente per le dimissioni;

considerato che:
– la situazione venutasi a creare rischia di vanificare l’encomiabile lavoro finora svolto dagli operatori sanitari per contrastare la diffusione del Covid-19;
– l’attivazione tempestiva delle USCA, sollecitata più volte dalla scrivente (a Cagliari sono operative soltanto dal 19 maggio), grazie alla loro funzione di filtro necessaria a contenere l’afflusso negli ospedali e a curare i pazienti sintomatici presso il proprio domicilio, avrebbe potuto evitare la situazione descritta e i rischi connessi;
– la struttura del Pronto soccorso dell’Ospedale SS. Trinità si è rivelata carente, considerata la grande affluenza di pazienti Covid-19 sospetti,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere:
1) come intendano sopperire alle carenze strutturali del Pronto soccorso dell’Ospedale SS. Trinità;
2) se intendano rivalutare la proposta di riattivazione del Pronto soccorso preesistente;
3) quante USCA intendano attivare ed entro quale data, posto che alla data odierna risulterebbero operative solo 12 a fronte di 32.

Cagliari, 21 maggio 2020

Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto
X