Interrogazione n. 1522/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1522/A

MANCA Ignazio – GIAGONI – ENNAS – MELE – PIRAS – SAIU, con richiesta di risposta scritta, sulla urgente necessità di intervenire presso il Ministero della transizione ecologica affinché si rivedano i criteri di ripartizione adottati per l’assegnazione di risorse da impegnarsi per le bonifiche da inquinamento industriale dei siti orfani, da realizzarsi con risorse comunitarie come previsto dall’articolo 17 del decreto legge 6 novembre 2021, n. 152.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
– in data 11 febbraio 2022 veniva presentata dagli odierni firmatari del Gruppo Lega Salvini Sardegna l’interrogazione n. 1348/A attraverso la quale si chiedeva al Presidente della Regione e all’Assessore regionale della difesa dell’ambiente quale fosse la situazione degli interventi riguardo le bonifiche da inquinamento industriale e se le stesse potessero diventare una priorità del PNRR;
– l’Assessorato regionale della difesa dell’ambiente con un’articolata risposta del 22 giugno 2022, richiamata la conferenza dei servizi indetta dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare tenutasi in data 27 gennaio 2016, ha evidenziato l’excursus caratterizzato dalla numerosità e dal differente status degli interventi finora operati, con un puntuale rinvio al Piano regionale di bonifica delle aree inquinate;
– esaurita la disamina dei singoli siti, che si dipanano da Porto Torres a Portovesme, viene richiamato il PNRR, che prevede una specifica misura 2 componente 4 (m2c4) per la bonifica del “suolo dei siti orfani”, con l’obiettivo entro il primo trimestre 2026 della loro riqualificazione al fine di ridurre l’occupazione del terreno e migliorare il risanamento urbano;
– a seguito della ripartizione, operata dal Ministero della transizione ecologica, risulta destinato alla Regione autonoma della Sardegna lo stanziamento complessivo di 26.725.000 euro su complessivi 500.000.000 euro, da destinarsi ai siti orfani da riqualificare entro il primo trimestre 2026;
– attualmente è in corso presso il richiamato Ministero l’istruttoria delle istanze presentate dalle Regioni e dalle Province autonome e la predisposizione dello specifico piano d’azione contenente l’elenco dei relativi interventi dei siti orfani da realizzarsi con le risorse comunitarie, come previsto dall’articolo 17 del decreto legge 6 novembre 2021, n.152;

considerato che:
– la Regione vanta il primato nazionale per quanto attiene il territorio a mare sottoposto a SIN pari a 35.164 ha e il secondo posto con 21.625 ha per quanto riguarda l’estensione a terra;
– il territorio del Sulcis iglesiente guspinese vanta il triste primato regionale con 32.416 ha a terra e 19.751 a mare;
– il territorio di Porto Torres risulta impegnato per 2.748 ha a terra e 1874 ha a mare;
– a fronte di siffatte estensioni gravemente inquinate, la cifra inizialmente destinata dal Ministero della transizione ecologica appare non congrua,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale alla difesa dell’ambiente per sapere se l’Amministrazione regionale abbia contezza di simile incongruenza e, soprattutto, impegnano i medesimi affinché vengano richieste urgenti informazioni presso il Ministero richiamato circa i metodi adottati nella ripartizione delle somme stanziate, sollecitando una più equa assegnazione a favore della Regione.

Cagliari, 30 giugno 2022

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto