Interrogazione n. 1219/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1219/A

MELONI, con richiesta di risposta scritta, sulla sospensione delle prestazioni sanitarie per i pazienti in cura presso un noto centro di riabilitazione di Olbia.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
– la sanità sarda è a pezzi, e non solo per la pressione di quasi due anni di pandemia;
– le situazioni di disagio sono numerose: mancano i medici di base, i pediatri, i medici specialisti ospedalieri, tutto il personale addetto è allo stremo e non potrà reggere ancora a lungo con turni massacranti e con la sola buona volontà;
– la burocrazia sanitaria, anch’essa, pare, sotto pressione, ci mette del suo: dal 30 agosto scorso un noto centro di riabilitazione di Olbia, convenzionato con l’ATS, taglia le prestazioni sanitarie per 70 pazienti gettando nel panico gli stessi e i loro congiunti;
– la ragione della sospensione delle prestazioni, secondo quanto riferito dall’azienda convenzionata, pare risiedere nella necessità di rispettare il nuovo contratto da sottoscrivere con l’ATS che, evidentemente, prevede clausole differenti rispetto a quelle sinora applicate;
– il centro di riabilitazione lamenta la mancata accettazione da parte dell’ATS della richiesta di rimodulazione delle prestazioni e conferma, dunque, la necessità di dimettere circa 70 pazienti ambulatoriali oggi in trattamento;

considerato che:
– le valutazioni in merito all’accoglibilità della proposta avanzata dal centro convenzionato spettano evidentemente alle istituzioni competenti, occorre tuttavia tenere sempre presente che le prestazioni sanitarie erogate sono indispensabili per i pazienti che le ricevono e che la loro sospensione, ancorché temporanea, potrebbe compromettere importanti effetti terapeutici positivi conseguiti;
– occorre, pertanto, verificare in tempi brevissimi la possibilità di risoluzione della criticità creatasi e comunque garantire ai pazienti in cura il prosieguo delle terapie in corso anche eventualmente attraverso la loro riprotezione presso altri centri, sempre ad Olbia, idonei a dispensare tali trattamenti terapeutici,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore dell’igiene e Sanità e dell’assistenza sociale per sapere se vi siano margini di risoluzione in tempi rapidi delle criticità che hanno causato la sospensione dei trattamenti per i 70 pazienti del centro di Olbia ovvero quali siano le opzioni in campo per consentire ai medesimi pazienti il prosieguo delle terapie.

Cagliari, 29 settembre 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto