Interrogazione n. 1217/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1217/A

COCCO – LAI, con richiesta di risposta scritta, sulla grave carenza di medici chirurghi presso il reparto di chirurgia dell’Ospedale San Francesco di Nuoro.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
– l’Ospedale San Francesco di Nuoro rappresenta il principale presidio sanitario del centro Sardegna che eroga importanti servizi di medicina specialistica ad una parte consistente della popolazione dei territori interni della Sardegna;
– in tale ambito il servizio specialistico di chirurgia del presidio nuorese ha competenze nelle attività di diagnosi e terapia per i cittadini che afferiscono alla struttura con patologie che rientrano nell’ambito della chirurgia generale sia in regime ordinario che di emergenze chirurgiche H24;
– le attività comprendono il ricovero d’urgenza, il ricovero in day hospital, il ricovero programmato e il day surgery (con trattamento chirurgico multidisciplinare di patologia oncologica e non, Chirurgia laparoscopica e robotica avanzata, Chirurgia endocrina e Chirurgia senologica) oltre all’attività ambulatoriale di Chirurgia generale, Pronto soccorso chirurgico ed Ecografia interventistica;
– nonostante richieste di prestazioni sempre più crescenti, dovute anche all’emergenza sanitaria da Covid-19, il contingente del reparto di chirurgia dell’Ospedale San Francesco si è ridotto all’attività di soli 4 chirurghi a fronte di 14 specialisti previsti dalla pianta organica;

considerato che:
– gli specialisti della struttura di chirurgia hanno già comunicato alla Direzione ospedaliera che a causa del perdurare delle condizioni di carenza di personale sarà inevitabile, dal primo ottobre, la riduzione dell’importantissima attività di chirurgia programmata e delle emergenze H24, con gravi ripercussioni per la salute dei cittadini;
– da diverso tempo i dirigenti medici e i sindacati di categoria chiedono, anche attraverso una diffida ad ATS e ASSL, una corretta gestione del personale nel rispetto dei contratti collettivi in tema di orari, mansioni e funzioni conferibili al dirigente medico e in tema di promozione e incentivazione della crescita professionale e motivazionale delle risorse umane impegnate nella struttura;
– risulta evidente una progressiva destrutturazione dell’importantissimo presidio ospedaliero nuorese da parte dei vertici del Sistema sanitario regionale, nonostante le rassicurazioni e gli impegni presi dall’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale a favore dei presidi ospedalieri dell’interno;

valutata:
– l’incapacità dell’ATS Sardegna di gestire l’operatività dei reparti, le assegnazioni e le richieste di personale medico presso l’Ospedale di Nuoro, che, oltre a creare disservizi ai cittadini, crea confusione e disagio agli stessi operatori sanitari, i quali hanno più volte segnalato lo stato di particolare criticità della pianta organica, sollecitando una soluzione organizzativa che possa sopperire a tale situazione;
– la grave situazione di disagio in cui opera il personale sanitario della struttura di chirurgia dell’Ospedale San Francesco di Nuoro, spesso impegnato nei reparti con intolleranti carichi di lavoro;
– la necessità di dover garantire al personale in servizio la fruizione dei necessari turni di riposo, in ottemperanza al CCNL, con il rispetto del numero massimo di turni di pronta disponibilità notturna e festiva;
– la necessità di dover garantire un efficiente e omogeneo servizio sanitario in tutto il territorio regionale,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere se:
1) siano a conoscenza della grave situazione in cui versa il presidio ospedaliero San Francesco di Nuoro dovuta alla carenza di personale medico in servizio;
2) intendano porre immediatamente in essere una iniziativa che consenta l’assunzione in ruolo di medici specialisti da destinare al reparto di chirurgia attraverso l’attivazione procedure di mobilità interna, l’utilizzo di graduatorie ancora vigenti oppure attraverso procedure selettive straordinarie.

Cagliari, 28 settembre 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto