Interrogazione n. 1204/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1204/A

(Pervenuta risposta scritta in data 22/11/2021)

COMANDINI – GANAU – CORRIAS – DERIU – MELONI – MORICONI – PINNA – PISCEDDA, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione dei lavoratori dello stabilimento di Assemini della Sanac Italia.

***************

I sottoscritti,

premesso che, in riferimento alla situazione dei lavoratori dello stabilimento di Assemini della Sanac Italia, nelle interrogazioni 62/A del 2 luglio 2019 e 532/A del 15 giugno 2020 si manifestavano forti preoccupazioni sulla situazione dello stabilimento di Assemini, dove trovano impiego circa 100 lavoratori, tra diretti ed indotto;

preso atto che alle interrogazioni sono pervenute le risposte a luglio e a dicembre 2020, dove si legge chiaramente che sia l’Assessore regionale dell’industria sia il MISE siano a conoscenza della situazione per la quale si è espressa fiducia in una soluzione positiva, rassicurando che la situazione sarebbe stata costantemente monitorata;

considerato che:
– il 60 per cento del materiale refrattario fornito alla Società acciaierie d’Italia (ex Ilva e Acel Mittal) proviene proprio dalla SNAC di Assemini;
– fino a qualche mese fa il sito industriale di Macchiareddu stava vivendo un periodo fortemente positivo dal punto di vista produttivo;

appreso che da giugno scorso le commande da parte della Società acciaierie d’Italia (ex Ilva e Acel Mittal) sono fortemente calate;

considerato ulteriormente che l’attuale situazione, non solo crea forti preoccupazioni tra i dipendenti della SANAC che in 70 rischiano la cassa integrazione ma, se dovesse persistere creerebbe conseguenze negative anche sul futuro dell’intera area industriale di Macchiareddu per quale si auspica un rilancio;

ritenuto assolutamente necessario che Governo regionale e nazionale con le parti sindacali, in sinergia tra loro, lavorino ad un’azione coordinata per ottenere che Società acciaierie d’Italia (ex Ilva e Acel Mittal) rispetti gli impegni assunti, a tutela dell’occupazione,

chiedono di interrogare l’Assessore regionale dell’industria, per sapere se sia a conoscenza della situazione e quali strategie intenda attivare, in sinergia con le parti interessate, affinché il Governo centrale eserciti la propria autorità nei confronti della Società acciaierie d’Italia (ex Ilva e Acel Mittal) e mantenga fede agli impegni presi, a tutela dei lavoratori tutti.

Cagliari, 15 settembre 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto