Interrogazione n. 1201/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1201/A

(Pervenuta risposta scritta in data 17/11/2021)

COCCO – LAI, con richiesta di risposta scritta, sulla cancellazione del Dipartimento delle professioni sanitarie e delle SC delle professioni infermieristiche e ostetriche previsto dal “Piano preliminare regionale di riorganizzazione e riqualificazione dei servizi sanitari” approvato con delibera della Giunta regionale n. 36/47 del 31 agosto 2021.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
– l’articolo 47 della legge regionale n. 24 del 2020 “Riforma del sistema sanitario regionale e riorganizzazione sistematica delle norme in materia. Abrogazione della legge regionale n. 10 del 2006, della legge regionale n. 23 del 2014 e della legge regionale n. 17 del 2016 e di ulteriori norme di settore”, prevede che la Giunta regionale, mediante specifiche deliberazioni, definisce il processo di adeguamento dell’assetto istituzionale ed organizzativo degli enti di governo del servizio sanitario della Sardegna;
– con deliberazione n. 36/47 del 31 agosto 2021 la Giunta regionale ha approvato il “Piano preliminare regionale di riorganizzazione e riqualificazione dei servizi sanitari di cui alla legge regionale n. 24/2020”;
– la deliberazione definisce le linee guida in cui sono definite competenze e funzioni della costituenda Azienda regionale della salute (Ares), che si occuperà di appalti e personale, e delle nuove 8 Aziende socio-sanitarie locali (ASL) di Cagliari, Sassari, Olbia, Nuoro, Ogliastra, Oristano, Medio Campidano e Sulcis-Iglesiente;
– il Piano preliminare adottato dalla Giunta regionale non contempla la presenza del Dipartimento delle professioni sanitarie e delle SC delle professioni infermieristiche e ostetriche, attualmente previste dal modello organizzativo dell’ATS Sardegna, in nessuno degli organi dell’Ares e delle future ASL;

considerato che:
– la Direzione delle professioni sanitarie è la struttura che indirizza, dirige, organizza, coordina e valuta il personale infermieristico, tecnico sanitario, riabilitativo e della prevenzione, nonché gli operatori di supporto che operano in tutti i settori organizzativi che afferiscono all’azienda sanitaria in conformità alla pianificazione strategica e coerentemente con gli obiettivi aziendali;
– alla Direzione delle professioni sanitarie afferiscono tutte le professioni sanitarie non mediche appartenenti alle quattro classi di laurea delle professioni sanitarie (Scienze infermieristiche ed ostetriche, Scienza delle professioni sanitarie della riabilitazione, Scienze delle professioni sanitarie tecniche e Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione) oltre a tutte le figure di supporto addette all’assistenza;
– gli attuali tre direttori delle strutture delle professioni sanitarie ATS e AOU partecipano, insieme ai sei dirigenti delle professioni sanitarie e agli altri direttori delle strutture, al perseguimento degli obiettivi aziendali, definendo le strategie di governo e l’organizzazione delle professioni sanitarie non solo nelle strutture ospedaliere, ma anche nei contesti territoriali e domiciliari;

evidenziato che:
– la Direzione delle professioni sanitarie rafforza la governance dei processi organizzativi e decisionali garantendo una più compiuta visione di insieme, valorizzando tutte le professionalità presenti, al fine di rispondere con efficacia ed efficienza ai bisogni di assistenza sanitaria dei cittadini;
– il mantenimento dell’attuale Dipartimento delle professioni sanitarie e delle SC delle professioni infermieristiche e ostetriche non comporta la creazione di nuovi incarichi di vertice, e pertanto di spesa, visto che gli attuali Direttori ricoprono tale ruolo da almeno un decennio;

valutata:
– l’importanza di riconoscere e potenziare il ruolo fondamentale delle professioni sanitarie all’interno del sistema sanitario della Sardegna;
– la necessità di coordinare l’organizzazione di qualificati professionisti sanitari in un momento in cui la presa in carico dei bisogni di salute dei cittadini e l’educazione alla salute ricoprono un ruolo fondamentale nella gestione dell’emergenza pandemica e del piano vaccinale regionale,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere quali azioni intendano adottare, o far adottare, al fine di garantire il mantenimento dell’attuale Dipartimento e direzione delle professioni sanitarie e delle SC delle professioni infermieristiche e ostetriche nell’ambito dei processi di riorganizzazione e riqualificazione dei servizi sanitari regionali.

Cagliari, 10 settembre 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto