Interrogazione n. 1159/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1159/A

(Pervenuta risposta scritta in data 12/01/2022)

MELONI, con richiesta di risposta scritta, sulla sospensione dell’erogazione del servizio idrico nei Comuni di Olbia, Arzachena, Loiri Porto San Paolo, Telti, Golfo Aranci, Monti e Padru, a decorrere dal giorno 16 agosto 2021.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
– in data 10 agosto 2021 con propria nota prot. 0170220 Abbanoa Spa, Gestore unico del Servizio idrico integrato della Regione Sardegna, ha comunicato ai comuni indicati in oggetto che, a causa dell’incremento dei consumi “con valori anche superiori agli anni passati”, e poiché le condotte dell’acquedotto del Liscia non consentono un aumento delle portate, i serbatoi cittadini di accumulo registrano una riduzione delle scorte che determina condizioni di erogazione non ottimali, e invita le amministrazioni locali ad adottare provvedimenti urgenti finalizzati a limitare l’impiego dell’acqua ai soli usi destinati al consumo umano;
– i sindaci, o quantomeno alcuni di loro, si sono tempestivamente attivati con i propri atti per cercare di ridurre i consumi e scongiurare le restrizioni;
– ciononostante, in data 12 agosto 2021 con l’ulteriore nota prot. 0171804, Abbanoa Spa, ha comunicato ai comuni indicati in oggetto che, non avendo riscontrato le auspicate riduzioni dei consumi, procederà dal giorno 16 agosto 2021 all’interruzione dell’erogazione dell’acqua nelle ore notturne, nei comuni citati, relative frazioni e fasce costiere;

considerato che la repentina successione delle comunicazioni del gestore del SII non ha consentito ai comuni interessati una migliore programmazione dei propri interventi finalizzati alla limitazione dei consumi idrici e posto che la massiccia presenza di turisti era non solo auspicata ma largamente prevista da tutti gli operatori turistici, dalle loro organizzazioni e dalle stesse amministrazioni comunali, pare singolare che da parte del gestore del SII non siano state approntate per tempo le eventuali risposte per scongiurare le restrizioni paventate che, qualora venissero effettivamente adottate, riporterebbero la Sardegna indietro di 30 anni con danni irreparabili non solo per la stagione in corso ma anche per l’immagine di Isola accogliente e confortevole conquistata negli anni con grande fatica;

atteso che occorre pertanto un immediato intervento sia da parte della Regione sia da parte dell’EGAS, Ente di governo dell’ambito della Sardegna, affinché le restrizioni idriche nei suindicati comuni della Gallura possano essere scongiurate,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere se siano a conoscenza della situazione sopra riportata e quali siano le azioni che intendano intraprendere con estrema urgenza al fine di evitare i gravi danni economici e di immagine che conseguirebbero qualora si provvedesse a dare seguito alle restrizioni idriche nei Comuni di Olbia, Arzachena, Loiri Porto San Paolo, Telti, Golfo Aranci, Monti e Padru, nelle loro frazioni e nelle relative fasce costiere, a decorrere dal giorno 16 agosto 2021.

Cagliari, 13 agosto 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto