Interrogazione n. 1158/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1158/A

(Pervenuta risposta scritta in data 04/02/2022)

MELONI – GANAU – COMANDINI – CORRIAS – DERIU – MORICONI – PINNA – PISCEDDA, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata disponibilità di posti in strutture ricettive idonee e autorizzate ad ospitare soggetti, non residenti in Sardegna, riscontrati positivi al Covid-19 e collocati in quarantena obbligatoria.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
– la pandemia continua a colpire duramente soprattutto nella nostra Isola che risulta tra le regioni europee dove si registra il maggior numero di contagi;
– per contro, la stagione turistica registra numeri da record e le presenze, soprattutto nel nord est della Sardegna, hanno, pare, raggiunto e superato i livelli pre-Covid;
– quest’ultima notizia, che dal punto di vista dell’asfittica economia sarda appare assai positiva, si scontra ancora una volta con la disorganizzazione del sistema di tracciamento e vigilanza dei soggetti positivi al Covid-19;
– succede infatti che tra i turisti che stanno trascorrendo le loro vacanze nelle strutture ricettive dell’Isola, siano state riscontrate positività al virus e pertanto, come da protocollo, siano stati sottoposti a regime di quarantena obbligatoria;
– le strutture turistiche che li ospitano, attesa la stagione eccezionale, hanno tuttavia esaurito ogni disponibilità e, pertanto, sono impossibilitate a garantire la prosecuzione del loro soggiorno oltre i periodi prestabiliti;

considerato che:
– alcuni sindaci dei comuni interessati, si sono quindi rivolti ai Servizi di igiene pubblica delle ASSL di riferimento, ricevendo risposte poco rassicuranti sulla disponibilità di strutture idonee alla gestione dei soggetti non residenti, confermati e/o sospetti di positività al Covid-19;
– pare peraltro che diverse strutture ricettive abbiano a suo tempo avanzato manifestazione di interesse per diventare “alberghi sanitari o hotel covid”, che tuttavia in mancanza delle necessarie autorizzazioni non possano al momento accogliere i soggetti di cui sopra;

atteso che:
– occorre un immediato intervento da parte delle istituzioni preposte, in quanto le situazioni sopra rappresentate, non gestite e risolte tempestivamente e positivamente possono dare luogo a nuovi focolai di contagio;
– il mancato trasferimento dei soggetti sottoposti a quarantena o isolamento in strutture dedicate può destabilizzare l’intera stagione turistica e compromettere la reputazione dell’intero comparto ricettivo sardo;

ritenuto che la gestione e risoluzione delle situazioni critiche non può essere caricata sui Sindaci dei territori interessati e, tantomeno, sui gestori delle strutture ricettive nelle quali i soggetti in argomento soggiornano al momento del presentarsi della necessità di isolamento,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere quali siano le azioni che intendano intraprendere con estrema urgenza al fine di individuare e comunicare ai sindaci che lo richiedono, la disponibilità di strutture idonee ad ospitare i soggetti non residenti in Sardegna, sottoposti a regime di isolamento.

Cagliari, 13 agosto 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto