Interrogazione n. 1018/A

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVILegislatura

Interrogazione n. 1018/A

COCCO – DERIU – LAI, con richiesta di risposta scritta, sulla grave carenza di medici emodinamisti presso il servizio di cardiologia dell’ospedale San Francesco di Nuoro.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
– l’ospedale San Francesco di Nuoro rappresenta il principale presidio sanitario del centro Sardegna che eroga importanti servizi di medicina specialistica ad una parte consistente della popolazione dei territori interni della Sardegna;
– in tale ambito il servizio di emodinamica del presidio nuorese si occupa di tutte le problematiche legate al flusso sanguigno del cuore e del sistema vascolare con una media annua, fino al dicembre 2020, di oltre 1.000 procedure coronografiche, angioplastiche coronariche, chiusura di auricolare ed altri esami invasivi di cui almeno 400 in regime di urgenza con infarto acuto in atto;
– in pochi mesi l’Unità operativa di cardiologia dell’ospedale è passata da un organico di cinque specialisti (compreso il direttore) a due con il trasferimento a Sassari del primario e di due emodinamisti (uno già trasferito e l’altro dimissionario);
– il perdurare delle condizioni di carenza di personale renderà inevitabile la riduzione dell’importantissima attività di emodinamica e delle attività di cardiologia con gravi ripercussioni per la salute dei cittadini;

considerato che:
– con soli due emodinamisti, di cui uno attualmente in malattia, risulta impossibile garantire un’adeguata continuità del servizio h 24, con turnazioni e carichi di lavoro sempre più pressanti;
– risulta imminente un ulteriore ridimensionamento della pianta organica del servizio di cardiologia dell’ospedale San Francesco di Nuoro con il trasferimento dei cardiologi (di cui uno della sala di elettrofisiologia) che risultano ammessi nella graduatoria del concorso per dirigente medico cardiologo bandito dall’Azienda ospedaliero-universitaria di Sassari;
– l’incapacità dell’ATS Sardegna di gestire l’operatività dei reparti, le assegnazioni e le richieste di personale medico presso l’ospedale di Nuoro, oltre a creare disservizi ai cittadini, crea confusione e disagio agli stessi operatori sanitari, i quali hanno più volte segnalato lo stato di particolare criticità della pianta organica, sollecitando una soluzione organizzativa che possa sopperire a tale situazione;
– risulta evidente una progressiva destrutturazione dell’importantissimo presidio ospedaliero nuorese da parte dei vertici del Sistema sanitario regionale, nonostante le rassicurazioni e gli impegni presi dall’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale a favore dei presidi ospedalieri dell’interno;

valutate:
– la grave situazione di disagio in cui opera il personale sanitario dell’Unità di cardiologia dell’ospedale San Francesco di Nuoro spesso impegnato nei reparti con intolleranti carichi di lavoro;
– la necessità di dover garantire al personale in servizio la fruizione dei necessari turni di riposo, in ottemperanza al CCNL, con il rispetto del numero massimo di turni di pronta disponibilità notturna e festiva e un efficiente e omogeneo servizio sanitario in tutto il territorio regionale,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale per sapere se:
1) siano a conoscenza della grave situazione in cui versa il presidio ospedaliero San Francesco di Nuoro dovuta alla carenza di personale medico in servizio;
2) intendano porre immediatamente in essere una iniziativa che consenta l’assunzione in ruolo di medici da destinare al reparto di cardiologia attraverso l’attivazione procedure di mobilità interna, l’utilizzo di graduatorie ancora vigenti oppure attraverso procedure selettive straordinarie.

Cagliari, 30 aprile 2021

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto