Versione per la stampa http://www.consregsardegna.it/wp-content/plugins/print-o-matic/css/print-icon-small-black.png

Interventi urgenti sull’occupazione della filiera turistica della Sardegna: Parere positivo, a maggioranza, della Seconda commissione.

Data: 19/03/2020

Cagliari, 19 marzo 2020 – La Seconda commissione (Lavoro e Cultura) , presieduta da Alfonso Marras, ha espresso parere positivo, a maggioranza e con osservazioni, sulla delibera della giunta del 17 marzo 2020, n.13/19 “ Legge regionale 9 marzo 2020, n. 8 “Interventi urgenti a supporto e salvaguardia dell’occupazione e delle professionalità nel sistema imprenditoriale della filiera turistica della Sardegna”. Indirizzi per l’attuazione dell’art. 3 “Misure di sostegno al reddito e politiche attive del lavoro”. In audizione è stata sentita Alessandra Zedda, assessore regionale del lavoro. I fondi messi a disposizione dall’assessorato per questo provvedimento, che ha l’obiettivo di salvaguardare l’occupazione e di mantenere le competenze professionali nel sistema imprenditoriale della filiera turistica, ammontano a 18 milioni 590.000 euro. I soggetti che potranno beneficiare del contributo straordinario di 1000 euro mensili, per una durata non superiore ai tre mesi, sono: coloro che si trovano in stato di disoccupazione e che non godono della NASPI (Nuova assicurazione Sociale per l’impiego); chi ha prestato , nell’anno 2019 attività lavorativa, con contratto stagionale della durata di almeno 3 mesi alle dipendenze di imprese di cui ai codici ATECO della tabella A allegata alla LR n. 8 del 9 marzo 2020 (integrata dalla Legge di stabilità 2020, L.R n. 10 dell’11 marzo 2020; chi non è stato riassunto nell’anno 2020 nel medesimo periodo dell’anno 2019 per lo svolgimento di analoghe attività. Inoltre, nella delibera è previsto un contributo pari a 2000 euro, parametrabili mensilmente, per le imprese che assumono, per almeno 3 mesi, i lavoratori e le lavoratrici che hanno i requisiti previsti nel provvedimento.

Nella tabella A alla LR n. 8 del 9 marzo 2020 rientrano le imprese della filiera turistica nei settori: commercio al dettaglio di oggetti d’artigianato, trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente, trasporto marittimo e costiero passeggeri “traffico locale”, alberghi, villaggi turistici, ostelli della gioventù, affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, attività di alloggio connesse alle aziende agricole, aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte, ristorazione con somministrazione, attività di ristorazione connesse alle aziende agricole, gelaterie e pasticcerie anche ambulanti, ristorazione ambulante, bar e altri esercizi simili senza cucina, noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri, noleggio di biciclette, noleggio senza equipaggio di imbarcazioni da riporto (inclusi i pedalò), noleggio di altre attrezzature sportive e ricreative, noleggio di mezzi di trasporto marittimo e fluviale, attività delle agenzie di viaggio, altri servizi di prenotazione ed altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio, attività delle guide e degli accompagnatori turistici, attività di musei, gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili, parchi di divertimento e parchi tematici, gestione di stabilimenti balneari: marittimi, lacuali e fluviali.

Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto
X