Versione per la stampa http://www.consregsardegna.it/wp-content/plugins/print-o-matic/css/print-icon-small-black.png


Il Consiglio regionale si riunirà martedì 15 giugno alle 10,30. Dal 22 giugno, ogni primo martedì del mese, il Question time

Il Consiglio regionale si riunirà martedì 15 giugno alle 10,30. Lo ha deciso la Conferenza dei capigruppo che si è riunita questa sera presieduta dal Presidente Michele Pais. All’ordine del giorno il Documento n. 14 “Rendiconto del Consiglio regionale per l’esercizio finanziario 2020, lo Schema di norma di attuazione n. 3 “norme di attuazione dello Statuto speciale della Regione Sardegna per l’istituzione del Collegio dei revisori dei conti”, il Disegno di Legge 105  “Disposizioni regionali in materia di energia e modifiche alla legge regionale n. 9 del 2006”,  la Proposta di legge 98/A (Piras e più) Modifiche alla legge regionale 29 luglio 1998, n. 23 (Norme per la protezione della fauna selvatica e per l’esercizio della caccia in Sardegna) e  il Disegno di Legge 240 “ Istituzione del Comitato tecnico consultivo regionale per la pesca e l’acquacoltura. Abrogazione della legge regionale n. 14 del 1963”. La Conferenza dei Capigruppo ha anche deciso che ogni primo martedì mattina del mese, la seduta del Consiglio sarà dedicata al Question Time,  lo strumento di confronto tra consiglieri e giunta regionale previsto dagli articoli 123 e 123bis del Regolamento interno del Consiglio regionale. La prima seduta di Question Time si svolgerà martedì 22 giugno. In ogni seduta si discuteranno 16 interpellanze o interrogazioni, 9 presentate dai gruppi di minoranza e 7 dai gruppi di maggioranza. L’interrogante avrà 3 minuti di tempo per esporre l’interrogazione o l’interpellanza, l’assessore avrà 5 minuti di tempo per rispondere. La eventuale replica non potrà durare più di 2 minuti.

Condividi:
Aumenta dimensioni caratteri
Alto contrasto