Premio "Gianni Massa" - Edizione 2022

CORECOM SARDEGNA - PREMIO “GIANNI MASSA”
Giornalismo/Università/Scuola

Edizione 2022

 

Premessa

Il Comitato regionale per le comunicazioni della Regione autonoma della Sardegna (CORECOM), in qualità di organo di consulenza della Regione per l'elaborazione e l’attuazione delle politiche regionali nel settore delle comunicazioni, contribuisce alla promozione di adeguate iniziative affinché si favorisca l’educazione ai media, nonché l’uso responsabile dei mezzi di comunicazione, la conoscenza, la capacità di analisi e di interpretazione critica dei linguaggi, dei contenuti e dei messaggi trasmessi.

In questo quadro, a tutela e garanzia dell’utenza, alla luce del successo conseguito lo scorso anno, il Comitato indice per l’annualità 2022 la terza edizione del Premio CORECOM Sardegna “GIANNI MASSA”.

GIANNI MASSA

Autorevole punto di riferimento nel mondo dell’informazione isolana, iniziò la sua carriera giovanissimo, a soli 17 anni, nel Corriere di Tripoli e per vari decenni ha rappresentato la personificazione dell’AGI in Sardegna, l’Agenzia giornalistica nella quale era stato assunto nel 1960.

È stato, altresì, direttore responsabile del Messaggero Sardo, il periodico fondato nel 1969 col finanziamento della Regione, per tenere i contatti con gli emigrati sardi nel mondo ed ha collaborato con diverse testate, tra le quali il quotidiano milanese Il Giorno.

Ha ricoperto l’incarico di Vicepresidente dell’Associazione Stampa Sarda e di Presidente del Co.re.rat, il Comitato regionale antesignano dell’attuale Corecom.

 

Il Premio - Edizione 2022

 

Per l’edizione 2022 del Premio Gianni Massa il tema individuato dal Comitato è “La transizione ecologica e l’informazione” argomento che è, sempre più, al centro del dibattito politico e dei progetti europei e del mondo.

L’intento del Comitato è quello di andare a valutare quanto e con quale approccio il mondo dell'informazione affronti questo processo di profondo e radicale cambiamento della nostra società.

La sfida è multidisciplinare e non solo tecnologica e vede coinvolti una pluralità di attori, da tecnici esperti, a scienziati, dai media fino alla società civile.

È una scelta epocale che tocca tutti i livelli di decisione, dall’individuale al collettivo. Un cambio radicale di paradigma.

Certamente comunicare concetti come l’ambiente e la sostenibilità non è semplice, ma l'informazione non può più esimersi dal divulgare le opportunità e, soprattutto, il rispetto di tutti i criteri dello sviluppo sostenibile. La transizione ecologica è un impegno di rinnovamento sociale non più revocabile.

La comunicazione sull’ambiente, che è una realtà complessa e in evoluzione ricca di contenuti tecnico-scientifici, può esercitare un’influenza notevole sui comportamenti delle persone.

Pertanto, compito fondamentale del comunicatore è informarsi e approfondire le tematiche con l’obiettivo di coltivare una consapevolezza generalizzata.

Il Premio Gianni Massa intende incentivare una narrazione efficace e coerente dei valori, nonché si prefigge di sollecitare azioni di dialogo e partecipazione.

L’era della transizione ecologica riconosce all'informazione un ruolo determinante: riuscire a comunicare l'innovazione dei processi produttivi, capacità di focalizzarsi sulle dinamiche sociali ed economiche, chiarire i concetti di territorio prossimo e di comunità. Questo è ciò che viene richiesto ai media.

In questa cornice ben si inserisce il Premio Gianni Massa che vuol promuovere tutte le iniziative di sensibilizzazione attraverso questo tipo di “comunicazione partecipativa” che ha il compito di spiegare la sostenibilità ai cittadini e, in modo particolare, alle future generazioni.

Il Premio Gianni Massa vuole rappresentare uno strumento efficace per la diffusione di una corretta informazione, prerequisito essenziale per favorire la partecipazione dei cittadini, realizzare la transizione verso una società più giusta e sostenibile e promuovere una nuova cultura dell’informazione capace di contribuire alla trasformazione virtuosa dei nostri stili di vita.

 

Regolamento

SEZIONE GIORNALISMO

  1.  Oggetto

Per l’anno 2022 sono banditi tre premi del valore di € 2.000,00 ciascuno, nell’ambito delle seguenti categorie:

Giornalismo radiotelevisivo

Servizi o approfondimenti, firmati da Giornalisti Pubblicisti o Professionisti iscritti all’Ordine Regionale della Sardegna, dedicati ai temi relativi al “La Transizione ecologica e l’informazione” trasmessi nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2021 e il 31 marzo 2022.

Giornalismo carta stampata e web

Articoli, inchieste o interviste firmati da Giornalisti Pubblicisti o Professionisti iscritti all’Ordine Regionale della Sardegna, dedicati ai temi relativi alla “La Transizione ecologica e l’informazione” e pubblicati nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2021 e il 31 marzo 2022.

Giornalismo per immagini

Fotografie e video reportage realizzati da fotoreporter, operatori di ripresa e videomaker nati o residenti in Sardegna, dedicati ai temi relativi alla “La Transizione ecologica e l’informazione” e pubblicati nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2021 e il 31 marzo 2022.

 

  1. Modalità di presentazione

I candidati dovranno presentare il proprio lavoro entro il 25/05/2022 (come modificato con delibera n. 9) in formato elettronico non modificabile, accompagnato da una breve descrizione dei contenuti e della motivazione (cartella di massimo 30 righe con 60 battute), nonché da una copia del documento di identità, inviandolo, da posta elettronica certificata, all’indirizzo di posta elettronica certificata corecomsardegna@pec.crsardegna.it.

In alternativa, qualora la dimensione degli allegati fosse superiore al massimo consentito, sarà possibile inviare gli elaborati su supporto elettronico tramite posta raccomandata (fa fede la data di spedizione) all’indirizzo Corecom Sardegna, via Roma, 25 - 09125 – Cagliari.

 

  1. Valore dei premi: 6 mila euro

Per l’edizione 2022 il valore del premio attribuito per ciascuna delle tre categorie è di € 2.000,00.

 

 

SEZIONE UNIVERSITÀ

  1. Oggetto

In collaborazione con gli Atenei di Cagliari e Sassari verranno premiate, per ciascun Ateneo, le due migliori tesi di laurea (conseguite sia dopo corsi di studio triennali che magistrali) attinenti a tematiche connesse a ”La Transizione ecologica e l’informazione” discusse o depositate presso la segreteria di ciascun corso di laurea, nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2021 e il 31 marzo 2022 (verranno valutate le tesi depositate in segreteria dell’Università entro il 31/03/2022 e discusse entro il primo semestre dello stesso anno).

 

  1. Modalità di presentazione

I candidati dovranno presentare il proprio lavoro entro il 25/05/2022 (come modificato con delibera n. 9) in formato elettronico non modificabile accompagnato da una breve descrizione dei contenuti e della motivazione (cartella di massimo 30 righe con 60 battute), nonché da una autocertificazione ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 attestante la data di discussione o deposito della tesi e da una copia del documento di identità, inviandolo, da posta elettronica certificata, all’indirizzo di posta elettronica certificata corecomsardegna@pec.crsardegna.it.

In alternativa, qualora la dimensione degli allegati fosse superiore al massimo consentito, sarà possibile inviare gli elaborati su supporto elettronico tramite posta raccomandata (fa fede la data di spedizione) all’indirizzo Corecom Sardegna, via Roma, 25 - 09125 – Cagliari.

 

  1. Valore dei premi: 8 mila euro

Per l’edizione 2022 il valore del premio attribuito per ciascuna delle quattro tesi di laurea è di € 2.000,00.

 

SEZIONE SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

 

Per poter partecipare al Premio Gianni Massa gli studenti dovranno predisporre un elaborato attinente a uno o più dei primi quattro Goal dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. 

Il progetto vuole rappresentare un invito ad una riflessione sulle diverse tematiche e si prefigge di promuovere una ricerca creativa attraverso un modello di sistema inclusivo e partecipativo. Questo approccio richiama ad un dialogo e ad un’integrazione dinamica tra studenti e insegnanti, nella loro pluralità di conoscenze. Riteniamo che la scuola sia il contesto migliore per veicolare questo metodo alle giovani generazioni, rendendole parte attiva del processo creativo e partecipativo per la costruzione di nuovi scenari. Ad esempio, crediamo che il lavoro di approfondimento che gli studenti dovranno svolgere per il Premio Gianni Massa possa fornire loro spunti preziosi sulle tematiche, li possa aiutare ad elaborare nuove idee di visione e a comprendere che il raggiungimento della sicurezza alimentare passa attraverso una responsabile cittadinanza alimentare, che si può maturare nell’ambito scolastico.

L’Agenda 2030 è un programma di sviluppo che 193 Paesi membri dell’ONU hanno sottoscritto nel 2015. Sebbene gli obiettivi fissati per lo sviluppo sostenibile abbiano una valenza globale e obiettivi comuni, l’Italia, come molti altri Paesi, ha studiato una propria strategia nazionale con impegni e obiettivi specifici connessi ai 17 Goal di sviluppo sostenibile. Il lavoro degli studenti dovrà essere finalizzato a favorire la diffusione della cultura della sostenibilità nelle scuole affinché anch’esse diventino portatrici di quest’istanza e si attivino per il perseguimento degli obiettivi di sviluppo. L’Agenda 2030 è un programma universale che contiene ben 17 obiettivi i quali, nelle loro intersezioni, integrano le tre dimensioni dello sviluppo: sociale, economico e ambientale. Gli obiettivi sono, a loro volta, declinati in 169 sotto-obiettivi, fondamentali per indirizzare le strategie dei governi, sia per determinare le priorità, che per individuare i punti critici. 

Il primo Goal si prefigge di porre fine a ogni forma di povertà nel mondo e di eliminare entro il 2030 la povertà estrema, di creare solidi quadri di riferimento politici basati su strategie di sviluppo a favore degli indigenti, e di sostenere investimenti accelerati nelle azioni di lotta alla povertà. 

Il secondo Goal ha come obiettivo “fame zero”, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile entro il 2030 che possa assicurare, l'accesso a un’alimentazione sicura, nutriente e sufficiente per tutto l'anno adottando misure che garantiscano il corretto funzionamento dei mercati delle materie prime alimentari, delle riserve di cibo, e limitare l’estrema volatilità dei prezzi alimentari.

Il terzo Goal si propone entro il 2030, non solo di incrementare l’aspettativa di vita attraverso l’accesso universale alle cure e il sostegno alla ricerca, ma anche di migliorarne la qualità, promuovendo la prevenzione e il benessere per tutti e per tutte le età, intensificando in tutti i paesi, in particolare quelli in via di sviluppo, la prevenzione, la riduzione e la gestione dei rischi per la salute globale.

Il Goal 4 intende assicurare un’istruzione di qualità, equa e inclusiva, opportunità di apprendimento permanente per tutti entro il 2030, assicurarsi che tutti i ragazzi e le ragazze completino la formazione primaria e secondaria attraverso la cooperazione internazionale per la formazione degli insegnanti nei paesi in via di sviluppo.

 

  1.  Oggetto

Gli studenti o le classi degli istituti che aderiranno all’iniziativa potranno presentare un proprio elaborato creativo e originale sul tema “La transizione ecologica e l’informazione”.

Tali elaborati saranno valutati al fine dell’assegnazione di un premio destinato agli studenti o alla classe che si sono distinti per qualità creativa e comunicativa del lavoro proposto.

 

  1. Modalità di partecipazione

La partecipazione al concorso è aperta agli studenti o alle classi degli Istituti che aderiranno all’iniziativa. I partecipanti  potranno inviare entro il 25/05/2022 (come modificato con delibera n. 9), da posta elettronica certificata, un elaborato, frutto della loro creatività e inventiva all’indirizzo di posta elettronica certificata corecomsardegna@pec.crsardegna.it.

In alternativa, qualora la dimensione degli allegati fosse superiore al massimo consentito, sarà possibile inviare gli elaborati su supporto elettronico tramite posta raccomandata (fa fede la data di spedizione) all’indirizzo Corecom Sardegna, via Roma, 25 - 09125 – Cagliari.

Il premio sarà assegnato agli elaborati ritenuti dalla Giuria più interessanti rispetto ai temi legati a “La transizione ecologica e l’informazione”.

Ai partecipanti è riconosciuta la massima libertà nella scelta della tipologia di elaborato da produrre di cui si elencano, a titolo esemplificativo, le seguenti forme espressive:

  • materiali didattici interdisciplinari e multimediali da pubblicare su web e fruibili gratuitamente;
  • opuscoli, fumetti, spot pubblicitari;
  •  manifesti, elaborazioni grafiche, rappresentazioni fotografiche;
  • testi e ipertesti realizzati dagli studenti (studi, ricerche, manuali di buone pratiche, giornalini di classe, newsletter, ecc.), riguardanti i temi oggetto del concorso;
  • elaborati multimediali e cortometraggi (durata massima di 5 minuti).

Si ricorda che gli elaborati devono essere inviati in formato elettronico non modificabile.

I Progetti premiati saranno oggetto di un’apposita pubblicazione multimediale pubblicata, come esito conclusivo del percorso, sul sito web del Corecom e veicolata sui canali di comunicazione delle altre istituzioni impegnate nella promozione del concorso.

 

  1. Valore dei premi: 9 mila euro

Per l’edizione 2022 saranno attribuiti 3 premi, ciascuno di € 3.000,00.

I premi saranno accreditati sul conto corrente degli Istituti scolastici di pertinenza dei vincitori e dovranno essere utilizzati esclusivamente per l'acquisto di materiali o servizi aventi natura educativo formativa destinati ai vincitori stessi.

Delle spese effettuate, dovrà essere presentata idonea rendicontazione.

 

ASSEGNAZIONE DEI PREMI E PUBBLICAZIONE DEL BANDO

 

I premi saranno assegnati da una Giuria composta da:

  • i componenti del Corecom Sardegna;
  • i Rettori delle Università di Cagliari e di Sassari o da loro delegati;
  • l’Assessore competente in materia di ambiente o da un suo delegato;
  • il Direttore scolastico regionale o da un suo delegato;
  • il Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Sardegna o da un suo delegato;
  • il Presidente dell’associazione della stampa sarda o da un suo delegato.

 

La Giuria potrà riunirsi in apposite sottocommissioni per l’esame dei lavori presentati e, si riserva, inoltre, di ripartire gli importi dei premi eventualmente non assegnati in una delle categorie della sezione a favore delle restanti categorie.

La Giuria potrà altresì ripartire l’importo dei premi destinati a ciascuna categoria tra più partecipanti in caso di valutazione ex aequo.

Il giudizio della Giuria è insindacabile.

 

MODIFICHE E/O INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO

 

Il Corecom si riserva la facoltà di apportare integrazioni e/o modifiche al presente Regolamento per esigenze organizzative e/o funzionali, mediante comunicazione agli interessati attraverso la pubblicazione delle integrazioni/modifiche sul sito www.consregsardegna.it/corecom

Eventuali chiarimenti sulla presente procedura potranno essere richiesti tramite e-mail all’indirizzo corecom@consregsardegna.it.

 

Il Corecom Sardegna pubblicherà il presente bando e la delibera della Giuria sul proprio sito istituzionale www.consregsardegna.it /corecom

 

Allegati: