Seduta n.24 del 10/10/2019 

XXIV Seduta

Giovedì 10 ottobre 2019

Presidenza del Presidente Michele PAIS

La seduta è aperta alle ore 14 e 09.

CUCCU CARLA, Segretaria, dà lettura del processo verbale della seduta del 1° ottobre 2019 (23), che è approvato.

Congedi

PRESIDENTE. Comunico che i consiglieri regionali Antonio Mario Mundula e Fabio Usai hanno chiesto congedo per la seduta del 10 ottobre 2019.

Poiché non vi sono opposizioni, i congedi si intendono accordati.

Il Consiglio regionale è sospeso, i lavori rinizieranno alle ore 15, grazie.

(La seduta, sospesa alle ore 14 e 10, viene ripresa alle ore 15 e 14.)

PRESIDENTE. Prego i colleghi consiglieri di prendere posto.

Comunicazioni del Presidente

PRESIDENTE. Comunico che in data 2 ottobre 2019 è stata presentata, primo firmatario Cera, la "Richiesta di istituzione di una commissione d'inchiesta sulla presenza dell'amianto in Sardegna - conseguenze e ripercussioni sulla salute dei lavoratori (ai sensi dell'art.125, del Regolamento del Consiglio regionale)".

Ai sensi del comma 4 dell'articolo 125 del Regolamento entro trenta giorni dalla data di presentazione la richiesta è iscritta all'ordine del giorno del
Consiglio che deve provvedere alla nomina o all'eventuale delega della stessa al Presidente del Consiglio.

Annunzio di presentazione di proposte di legge

PRESIDENTE. Comunico che sono state presentate le proposte di legge numero 55, 56, 57, 58, 59.

Risposta scritta a interrogazione

PRESIDENTE. Comunico che è stata data risposta scritta all'interrogazione numero 88.

Annunzio di interrogazioni

PRESIDENTE. Si dia annunzio delle interrogazioni pervenute alla Presidenza.

CUCCU CARLA, Segretaria. Sono state presentate le interrogazioni numero 156, 157, 158, 159, 160, 161, 162, 163, 164, 165, 166, 167.

Annunzio di interpellanze

PRESIDENTE. Si dia annunzio delle interpellanze pervenute alla Presidenza.

CUCCU CARLA, Segretaria. Sono state presentate le interpellanze numero 59, 60, 61, 62, 63, 64, 65.

Annunzio di mozioni

PRESIDENTE. Si dia annunzio delle mozioni pervenute alla Presidenza.

CUCCU CARLA, Segretaria. Sono state presentate le mozioni 73, 74, 75, 76, 77, 78.

PRESIDENTE. L'ordine del giorno reca la discussione del Disegno di legge numero 51/A, però ha chiesto di intervenire, immagino sull'ordine dei lavori, l'onorevole Cocco.

Sull'ordine del giorno

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare il consigliere Daniele Cocco. Ne ha facoltà.

COCCO DANIELE (LEU). Grazie, Presidente. Io sommessamente chiedo a lei, Presidente, come massimo garante di questa Assemblea, il rispetto degli orari, perché non è possibile che già in maniera anomala si convochi il Consiglio regionale alle 12 di oggi, giovedì, lo stesso viene rinviato alle 14 e alle 15 e 23 ancora non abbiamo iniziato di fatto i lavori. Siccome è argomento di cui abbiamo già parlato più volte, io credo che davvero sia arrivato il momento, per il rispetto di tutti i sessanta componenti quest'Aula, che davvero ci sia un minimo di rispetto per la dignità di quest'Aula, se non dei Consiglieri. L'altra richiesta che faccio è che ci sia un'inversione dell'ordine del giorno, perché credo che noi oggi dobbiamo indifferibilmente parlare della risoluzione che è stata approvata all'unanimità dalla Commissione di riferimento della vertenza AIAS. Questo noi lo dobbiamo a tutti quei dipendenti che, pur con grande difficoltà, ma con una grandissima dignità, sino ad ora hanno assicurato al servizio, nonostante da oltre undici mesi non ricevano lo stipendio. Credo che almeno per questo dobbiamo oggi invertire l'ordine del giorno e parlare in primis della risoluzione AIAS.

Sull'ordine del giorno

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare la consigliera Maria Laura Orrù. Ne ha facoltà.

ORRÙ MARIA LAURA (Progressisti). Presidente, per rompere il silenzio. Dopo giorni di annunci e di pressing diplomatico l'attacco turco nei territori del Nord della Siria è cominciato. Secondo fonti locali l'offensiva turca in Siria ha provocato finora almeno 15 morti, di cui 8 civili, e i feriti sono almeno 40. Alle vittime si aggiungono i migliaia di sfollati, destinati ad aumentare ora dopo ora.

È urgente che l'Italia, ma anche il nostro Governo regionale, assuma una posizione chiara. È importante condannare gli attacchi della Turchia contro i curdi nella Siria del Nord. Non si possono lasciare cittadine e cittadini curdi al proprio triste destino perché significa sottoscrivere il via libera a un massacro collettivo. È necessario attivare un'azione diplomatica concreta, incisiva, per evitare una tragedia e anche perché si sta commettendo un imperdonabile errore geopolitico. L'Italia non può stare in silenzio e deve prendere posizione, essendo partner NATO e avendo un ruolo importante e fondamentale nell'Unione Europea.

E noi? La Sardegna, essendo un'isola al centro del Mediterraneo, non può tacere. Sento spesso parlare per slogan e anche in quest'Aula sono state espresse da parte di alcuni consiglieri parole pesanti e di attacco nei confronti di chi, di fronte a guerre e distruzione, scappa dalla miseria per garantirsi una vita più dignitosa. Alcuni riescono ad attraversare il mare portandosi addosso cicatrici e segni di tortura subiti, altri, invece, non ce la fanno e alimentano il cimitero d'anime chiamato Mar Mediterraneo. Ci si preoccupa troppo spesso di lanciare slogan su questioni e tematiche che hanno una complessità di risoluzione, ma in pochi, pochissimi, forse nessuno vuole assumersi la responsabilità di affrontare le questioni…

PRESIDENTE. Onorevole Orrù, il tema…

ORRÙ MARIA LAURA (Progressisti). Sull'ordine dei lavori. Mi sembra una priorità.

PRESIDENTE. Il tema è delicatissimo, importantissimo e immagino che sarà oggetto anche di suoi successivi interventi. Tuttavia si può intervenire sull'ordine dei lavori dell'Aula… comunque il messaggio è arrivato. Il silenzio, come ha detto lei, lo ha squarciato, poi se riterrà di presentare una mozione, un atto consiliare, certamente sarà oggetto di discussione, però…

ORRÙ MARIA LAURA (Progressisti). Va bene, lo porteremo all'attenzione dell'Aula sotto forma di mozione. Spero che però il messaggio sia arrivato.

Grazie. Mi deve scusare, ma purtroppo non possiamo continuare oltre.

PRESIDENTE. Ha domandato di parlare il consigliere Francesco Mula. Ne ha facoltà.

MULA FRANCESCO (PSd'Az). Chiederei al Presidente e ai colleghi, se sono d'accordo, di fare urgentemente una Conferenza di Capigruppo di tutti, vista la richiesta anche del collega Cocco.

PRESIDENTE. Va bene. Il Consiglio è sospeso per dieci minuti per una Conferenza dei Capigruppo.

(La seduta, sospesa alle ore 15 e 28, viene ripresa alle ore 16 e 18.)

PRESIDENTE. Si è appena conclusa la Conferenza dei Capigruppo che ha deciso di riaggiornare i lavori del Consiglio regionale a giovedì prossimo.

(Interruzioni)

Scusate, i lavori sono ripresi. Allora si è appena conclusa la Conferenza dei Capigruppo. Si è deciso che i lavori del Consiglio regionale si riaggioneranno giovedì alle ore 10, primo punto all'ordine del giorno la risoluzione sull'AIAS, secondo punto il DL 51. A seguire della seduta di oggi i Capigruppo si incontreranno nella sala della Terza Commissione con una delegazione dei lavoratori AIAS.

I Consiglieri della maggioranza si riuniranno nella saletta qua a fianco.

La seduta è tolta alle ore 16 e 20.