CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XV Legislatura

Ufficio Stampa

Nota stampa della seduta n. 181
Martedì 19 Luglio 2016 - Pomeridiana

Approvato il passaggio agli articoli del DISEGNO DI LEGGE N. 321/A (GIUNTA REGIONALE) “Istituzione dell'Azienda sanitaria unica regionale (ASUR) e disposizioni di adeguamento dell'assetto istituzionale e organizzativo del servizio sanitario regionale. Modifiche alla legge regionale 28 luglio 2006, n. 10 (Tutela della salute e riordino del servizio sanitario della Sardegna. Abrogazione della legge regionale 26 gennaio 1995, n. 5)”.


La seduta pomeridiana si è aperta sotto la presidenza del presidente Gianfranco Ganau. Dopo le formalità di rito, il Consiglio ha proseguito nell’esame dell’ordine del giorno con la discussione generale del Dl n.321/A (“Istituzione dell’azienda sanitaria unica regionale – Asur - e disposizioni di adeguamento dell’assetto istituzionale e organizzativo del servizio sanitario regionale. Modifica della legge 10/2006 - Tutela della salute e riordino del servizio sanitario della Sardegna. Abrogazione della legge 5/95”). Sull’andamento dei lavori, il presidente ha comunicato che, in base alla decisione dei capigruppo, la seduta del Consiglio si concluderà con il voto sul passaggio agli articoli della legge mentre, per gli emendamenti, è stato fissato il termine di domattina alle 10.00 per la presentazione e di giovedì alle 10.00 per l’esame della commissione competente. Il Consiglio, infine, riprenderà l’esame della legge martedì prossimo alle 10.00.-
Successivamente, il presidente ha dato la parola al primo dei capigruppo iscritti a parlare, il consigliere Fabrizio Anedda del gruppo Misto.
Anedda, dopo un cenno sintetico alla difficile situazione economica della Sardegna, ha sostenuto che «le riforme sono necessarie per rendere più efficiente il sistema e per risparmiare ed in questo contesto la riforma della sanità viene fortemente sollecitata dalla comunità». Il consigliere ha espresso però perplessità «sul manager unico che gestirà circa un budget di circa 2 miliardi lasciando aperto il problema dei controlli che, invece, va esteso a tutti gli aspetti della gestione delle aziende sanitarie, ragione di più per un bilanciamento adeguato dei poteri del manager». La nomina spetta alla Giunta, ha concluso Anedda, che deve privilegiare la competenza ed agire «senza condizionamenti».
Il capogruppo del Psd’Az Angelo Carta ha ricordato che «quando si parlò di azienda unica sembrava possibile cambiare in profondo la sanità sarda, con i costi fuori controllo e con un passato in cui fu usata per costruire carriere e clientele di vario genere; se queste finalità fossero vere sarei favorevole ma stiamo invece assistendo ad una deriva di segno diverso con la concentrazione di potere su un unico soggetto». Vedremo, ha aggiunto Carta, «su cosa si è concretamente compattata la maggioranza, certo è che restano aperte alcune domande sull’aumento dei costi su voci strategiche della spesa rispetto ai tetti fissati dalla legge per le aziende di Nuoro ed Oristano, tanto per soffermarsi agli esempi più evidenti; in generale, il testo riporta bruscamente alla realtà e dice che la Asl unica in realtà non lo è perché ha cinque diramazioni e prevede una serie di soggetti che polverizzeranno la gestione senza far diminuire i costi, forse si voleva cambiare ma con questa impostazione i cambiamenti certamente non arriveranno». Ciò di cui si è avvertita maggiormente la mancanza, ad avviso di Carta, «è un testo organico che proceda anche alle necessarie abrogazione di tante norme succedutesi nel tempo, così è una riforma senza coraggio con pareri di maggioranza dati a denti stretti, senza una visione forte e di prospettiva, una riforma che probabilmente sarà anche di difficile applicazione».
Il capogruppo dei Riformatori Attilio Dedoni, ha affermato che «la legge dovrebbe occuparsi in prima istanza dei malati ma questa riforma, in concreto, non contiene innovazioni e non lascia ben sperare per il futuro, come dimostra la scarsa attenzione del Consiglio». E’ fin troppo facile, ha osservato Dedoni, «dire che non c’è una Asl unica nonostante la propaganda del centro sinistra, dentro c’è di tutto e di più per motivazioni opache ed incomprensibili, il contrario della nostra proposta che prevedeva la gestione unitaria  di personale ed acquisti». La riforma non inciderà sulla sanità sarda, ha continuato l’esponente dei Riformatori, «dove lo stesso assessore non sa cosa faceva ciascuna azienda prima e dopo la gestione commissariale e in quest’ultima fase con una disinvoltura allarmante; sono cose che la gente ricorda e ricorderà al momento del voto». La politica, ad avviso di Dedoni, «deve stare fuori dall’amministrazione mantenendo solo il suo ruolo di indirizzo e di controllo e ciò dovrebbe spingere la maggioranza a mettersi una mano sulla coscienza; voterete questa riforma ma non nel nostro nome, l’assessore è solo un capro espiatorio delle vostre dialettiche interne, al massimo con questa legge cambierà qualche primariato e si soddisferà qualche interesse particolare di piccolissima entità, c’è bisogno invece di una ulteriore riflessione».
Il capogruppo dei Rossomori Emilio Usula, ha parlato di «una riforma molto attesa dai sardi e dai circa 24.000 operatori della sanità, che vivono da lungo tempo una grave situazione di incertezza, una riforma che purtroppo viene percepita come un intervento tecnocratico che incide solo sulla organizzazione gerarchica ma questo messaggio non deve passare ed è un impegno che deve prendere in primis la maggioranza ma è un impegno dal quale non può sottrarsi tutto il Consiglio». Partiamo, ha ricordato Usula, «da una situazione in cui hanno operato 11 repubbliche indipendenti che non si parlano e spesso in competizione fra loro, che ha prodotto lo spreco di risorse ingenti e, rispetto a questo, la nostra non è una posizione ostile alla proposta della maggioranza, chiediamo però che la legge porti ad un migliore livello di servizi per i cittadini ed i territori, soprattutto di quelli più disagiati e delle isole minori». Quello del risparmio, inoltre, secondo Usula, «pur importante non può essere l’unico criterio guida e peraltro molti studi dicono che nel passaggio fra un sistema all’altro si determina addirittura un aumento di spesa, fatto che non ci deve spaventare, perché il faro della nostra attenzione deve essere rivolto ai bisogni di salute dei sardi». Soffermandosi infine sui problemi del personale, il consigliere dei Rossomori ha auspicato una condivisione più forte della riforma che «deve dare risposte anche al clima di disaffezione molto diffuso nelle nostre strutture sanitarie; dobbiamo far capire che si vuole investire molto sulle risorse umane e non sono d’accordo sull’idea che i buoni medici debbano lavorare nei grandi ospedali, è un messaggio che deve essere corretto, altrimenti tanto vale dire che i cittadini che si rivolgono ai piccoli ospedali si devono arrangiare». (Af)
Dopo l’on. Usula ha preso la parola l’on. Daniele Cocco (Sel), che ha parlato della necessità di “una terapia dolorosa per provare a guarire il sistema sanitario della Sardegna.  E questa riforma è coraggiosa e importante: se andrà in porto sarà una svolta epocale. Daremo uguale accessibilità a tutti i pazienti del territorio sardo. Non dovrà più ripetersi un tradimento di fiducia come quello operato da alcuni commissari”. L’esponente di Sel ha garantito che “la massima vigilanza perché la domanda di salute trovi ovunque una risposta precisa, a fronte di 400 mila sardi che sono sotto la soglia della povertà. Sosterremo sino in fondo questa riforma ma mi aspetto che la disponibilità mostrata all’assessore sia tradotta in atti concreti, come concreti sono gli emendamenti della maggioranza”.
Ha preso poi la parola l’on. Gianluigi Rubiu  per l’Udc: “Confesso imbarazzo perché siamo consapevoli che questa bozza sarà totalmente stravolta dagli emendamenti della maggioranza. Altro che cura dimagrante dei costi: avremo giusto i tagli nelle periferie della sanità sarda, dove avremo ospedaletti che chiuderanno nel fine settimana. Si salveranno giusto gli ospedali cagliaritani e si consoliderà la sanità privata, viste le future ulteriori debolezze del pubblico”.   Per l’oratore “è tutto da chiarire poi cosa saranno i distretti sanitari e vanno indagati anche i poteri del direttore generale della futura azienda unica”.
Per il Centro democratico è intervenuto l’on. Roberto Desini, che ha detto: “Partiamo da un punto: la politica continua a ingerirsi nella Sanità sarda ma non si occupa di quei medici che chiedono con imbarazzo ai pazienti di portarsi i farmaci da casa. L’ho visto con i miei occhi al Santissima Annunziata di Sassari. Ecco, abbiamo il dovere morale di questa riforma, mettendo da parte una volta per tutte le bandierine di parte”. Alcuni rilievi di merito sono giunti dal Centro democratico: “Sull’Areus, per cominciare. Mi interessa sapere se i cittadini saranno soccorsi subito, non chi sarà il direttore generale”.
Per l’Upc è intervenuto il capogruppo l’onorevole Pierfranco Zanchetta: “In parte il presidente della Regione è stato convincente sulla riforma ma vorrei che anche l’assessore alla Sanità facesse altrettanto. Universalità, integrazione sociosanitaria e umanità: vorrei che fossero questi i pilastri della riforma, la direzione da prendere nel segno del rigore della spesa ma anche dell’aumento della qualità dei servizi”. Anche l’on. Zanchetta è entrato nel merito del testo di legge, esponendo alcune perplessità, “non dico su un uomo solo al comando ma su un supermanager che deve comunque essere messo sotto controllo dalla politica. Perché la politica ha il dovere di controllare. Mi attendo risposte su questo ma su tanto altro”.
Per il capogruppo del Pd, on. Pietro Cocco, “tutti diciamo che la sanità è fuori controllo, oggi lo dicono anche i quotidiani sardi presentando i numeri della Corte dei conti rispetto alla gestione sanitaria sarda nel 2013 e 2014. Dunque, non si capisce perché non dovremmo presentare una seria proposta di riforma. L’azienda unica potrà consentire agli ospedali di dialogare tra loro e un solo 118, nuovi modelli organizzativi per garantire i diritti dei cittadini. Perché la Sanità è un diritto e va garantito.
Nel 2014 abbiamo già scritto una prima legge sulla Sanità e questa è l’occasione per garantire che la Sardegna abbia un elisoccorso stabile”.
Il portavoce del partito di maggioranza relativa ha aggiunto: “Ci sono momenti come questo in cui dobbiamo stare tutti quanti uniti, perché il tema è complicato e fuori da qui non capirebbero il perché di una divisione. Solo così avremo contenimento dei costi ed efficienza”. (C.C.)
Il capogruppo di Forza Italia, Pietro Pittalis, in apertura del suo intervento si è rivolto al suo omologo del Partito democratico per affermare: «Fa bene il capogruppo del Pd a richiamare la maggioranza a seguire le indicazioni della Giunta, soprattutto dopo aver sentito il dibattito in Aula, ma non vorremmo che questa riforma risenta troppo dei problemi che attraversano i partiti del centrosinistra ad incominciare dal Pd a cui manca ancora un segretario regionale».
L’esponente della minoranza ha ricordato i commissariamenti delle Asl, promossi, così ha detto - per garantire risparmi e controllo nella spesa però – ha proseguito Pittalis – i commissari dovevano restare in carica qualche mese e vi accingete ad approvare l’ennesima proroga senza che siano stati conseguiti i risultati e gli obiettivi attesi.
Pittalis ha quindi criticato il metodo con il quale si procede per il varo della riforma («il testo all’esame dell’Aula è superato e tutti attendiamo di conoscere le sostanziali proposte di modifica che avanzerà la giunta») ed ha dichiarato, rivolgendosi all’assessore della Sanità: «Le riforme non si fanno con un’interlocuzione solo tra le forze della maggioranza, a voi spetta la responsabilità della proposta ma noi vogliamo partecipare alla stesura della legge per garantire ai territori e ai cittadini più svantaggiati identiche possibilità di accesso alla sanità rispetto a quelle garantite a chi abita nei grandi centri. Vogliamo cioè uguali opportunità tra i sardi per vedere riconosciuto il diritto alla salute».
Il capogruppo dell’opposizione ha infine ribadito che per ciò che attiene i modelli organizzativi si deve tener conto delle specificità della Sardegna («non si può applicare nei nostri territori ciò che va bene in Lombardia»).
Terminati gli interventi dei capigruppo il presidente del Consiglio ha sospeso i lavori per cinque minuti ed alla ripresa ha concesso la parola all’assessore della Sanità, Luigi Arru. (A.M.)
Nella replica a nome della Giunta l’assessore della Sanità Luigi Arru, dopo aver premesso di volersi ispirare alla sobrietà senza parlare di rivoluzioni, ha sostenuto che obiettivo dell’esecutivo è quello di un «confronto sulle cose concrete della sanità sarda e sotto questo profilo la scelta della Asl unica deriva da analisi su modelli nazionali ed internazionali fondati su dati precisi: in Occidente si prevede il raddoppio dei costi della sanità entro 30 40 anni, (in Italia arriveranno a 228 miliardi) aprendo un grande problema di sostenibilità derivante anche dall’andamento di alcune dinamiche demografiche». In Sardegna, ha spiegato Arru, «assistiamo dal 2001 al saldo invertito fra decessi e natalità, che ci spinge ad impostare politiche di medio e lungo termine, tenendo presente che, entro i prossimi 10 anni, avremo il 25% della popolazione con più di 65 anni, concentrandoci quindi non solo sui farmaci ma sugli stili di vita, come in qualche modo ci insegnano le vicende dell’Ogliastra». Quanto alle dinamiche macro-economiche analizzate dalla Corte dei conti, secondo l’assessore della Sanità, «si certifica ciò che Giunta evidenziava già nel 2015 chiedendo l’inserimento della Sardegna nel piano di rientro, cioè che la Regione è impegnata in un grande progetto di riforma ispirato non tanto a criteri meramente economici, perché anzi garantiamo a tutti i sardi i farmaci contro epatite (52 milioni) e quelli per la cura di malattie particolari rispetto al territorio nazionale, quanto a criteri di buona sanità, perché chiudere una sala operatoria che non ha standard non è un taglio ma buona sanità». Rispondendo ad una osservazione del consigliere Usula, Arru ha poi precisato di non aver mai detto che «i buoni medici lavorano nei grandi ospedali ma che occorre un equilibrio fra il numero dei casi trattati e gli esiti degli stessi». Per la prima volta, ha proseguito, «tutti i chirurghi della Sardegna lavoreranno in una rete separata dai livelli di complessità in ambiti di massima tutela». Concentriamoci, ha detto ancora Arru rivolgendoci al Consiglio, «su un sistema universale che garantisce la territorialità, aggregando solo funzioni su cui si possono fare economie di scala (come ha fatto recentemente la Asl 1 con una gara unica con risparmio del 50%,) senza fermarci ad un modello standard vincente che non c’è, restiamo attenti a farmaci innovativi e nuove tecnologie ed ai problemi delle isole minori come delle zone disagiate di montagna; così garantiremo un diritto uniforme alla salute per tutti i sardi».
Per dichiarazione di voto. Il consigliere Pier Mario Manca (Sdl) ha affermato che «la riforma della sanità è una legge che caratterizza tutta la legislatura non può essere quindi una riforma banale, anzi ci coinvolge tutti anche dal punto di vista morale, perché non sono più rinviabili sia la garanzia del diritto alla salute anche ai sardi che vivono nelle periferie, che la lotta agli sprechi, sulla quale si è soffermata anche la Corte dei conti con valutazioni non certo tenere anche su questa Giunta». «Il sistema ha grosse falle che vanno ancora colmate» ha aggiunto Manca, precisando di non votare mai per spirito di appartenenza. Rispetto i cittadini, ha concluso, «e sento di avere un debito verso di loro, questa legge ha grossi limiti e non mi basta che sia solo una prima stesura».
Non essendoci altri iscritti a parlare il presidente ha messo in votazione il passaggio agli articoli della legge, che il Consiglio ha approvato.
Il presidente Ganau, prima di dichiarare conclusi i lavori ha quindi comunicato la convocazione del Consiglio per martedì 26 luglio alle 10 ed il termine per la presentazione degli emendamenti al Dl 321 (mercoledì 20 luglio alle 11) mentre la commissione Sanità è convocata per il previsto parere giovedì 21 luglio alle 10. (Af)