CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XV Legislatura

Ufficio Stampa

Nota stampa della seduta n. 122
Mercoledì 7 Ottobre 2015 - Antimeridiana

Approvato con votazione unanime, a conclusione della discussione delle mozioni n. 180 (Cossa e più) e n. 171 (Tedde e più) l’ordine del giorno Cocco Pietro e più “ sulla situazione in cui versano 28 imprenditori alberghieri a seguito delle ingiunzioni di restituzione del contributo erogato in applicazione della legge regionale 11 marzo 1998, n. 9”.
Approvato l’ordine del giorno sulla Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe.


La seduta si è aperta sotto la presidenza del presidente Gianfranco Ganau. Dopo le formalità di rito il Consiglio ha iniziato l’esame dell’ordine del giorno con il punto riguardante le mozione n.180 (Cossa e più) e n.171 (Tedde e più) sulla vicenda degli imprenditori turistici sardi costretti a restituire contributi ottenuti in base alla legge regionale 9/98. Per il momento, in attesa della predisposizione dell’ordine del giorno unitario annunciato nella seduta precedente, viene accantonato il punto riguardante la Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe. Il presidente ha quindi dato la parola al primo firmatario della mozione n.180, il consigliere Michele Cossa dei Riformatori sardi.
Nel suo intervento, Cossa ha ripercorso brevemente «una vicenda complessa che risale a 15 anni fa e segna uno dei punti più bassi nei rapporti fra la Regione e il mondo esterno, con particolare riferimento a quanti si aspettano dall’amministrazione efficienza e concretezza, una vicenda in cui ci sono precise responsabilità per quanto è successo, della burocrazia ma anche della politica». Oggi però, ha sostenuto, «occorre trovare una via d’uscita per evitare il fallimento di aziende sane che operano in un settore strategico come il turismo, definito da molti il forziere d’oro della Sardegna». Dopo la legge 9/98 che doveva promuovere la crescita dell’industria turistica, ha ricordato il consigliere, «vennero emanate le direttive di attuazione dove si prevedeva, fra l’altro, che le spese finanziabili erano quelle sostenute dopo l’approvazione della legge; nel frattempo entrò in vigore la nuova norma comunitaria sugli aiuti di Stato, la Regione modificò la direttive e da queste restarono fuori 28 aziende, si arrivò così fino al 2008 quando la Ue dichiarò l’incompatibilità degli aiuti facendo scattare il meccanismo delle sanzioni ed un contenzioso che vede soccombenti i privati senza che la Regione difenda le sue ragioni». Ora siamo nella fase esecutiva, ha detto ancora l’esponente dei Riformatori, «con cartelle e pignoramenti che mettono a rischio aziende che da anni hanno dimostrato di saper stare sul mercato; scopo della mozione, quindi, è impegnare la Giunta ad evitare il fallimento di queste aziende, applicando il regime de minimis, sottraendo dal debito quanto versato in termini di tasse e avviando con Governo e Ue un confronto per far valere le prerogative della Regione».
Il consigliere Marco Tedde (Forza Italia) ha parlato di una «vicenda con connotati tragici ai danni di aziende che rappresentano una quota di mercato importantissima nel mercato turistico sardo; una vicenda kafkiana, con imprenditori condannati senza aver commesso nessun reato ma per il solo fatto di aver rispettato una legge regionale, imprenditori che ora rischiano di sparire dalla scena con un danno enorme per le stesse imprese e per tutta la Sardegna». Mettiamoci la mano sulla coscienza, ha affermato Tedde, «se la Regione ha sbagliato deve riparare ed il Consiglio deve dire alla Giunta quali azioni deve avviare; ci vuole in altre parole una volontà politica forte ma si può arrivare ad una soluzione positiva, lo scorporo dei tributi è una possibilità ma non la sola, il ricorso al de minimis è un’altra opportunità, serve però un intervento presso il Governo per sostenere in modo concreto il settore turistico sardo».
Il consigliere Luigi Crisponi (Riformatori sardi) ha dichiarato che, a suo avviso, «la vicenda che trasuda arroganza, sfrontatezza, distanza della Ue dai problemi concreti dell’economia sarda, qui c’è una parte virtuosa del tessuto produttivo regionale che rischia di essere espulsa dal mercato». La Ue peraltro, ha aggiunto Crisponi, «usa due pesi e due misure e i dati dicono che c’è una sorta di accanimento nei confronti della Sardegna, oltretutto con una tempistica rapidissima e inusuale; molti casi, inoltre, riguardano la Sardegna, dall’Alcoa alla Legler, soggetti che hanno lasciato macerie sul territorio che ora vengono trattati come quanti hanno sempre rispettato le regole e rispettato le leggi investendo il 70% di risorse proprie per rilanciare le proprie strutture».
Il consigliere Christian Solinas (Psd’Az) ha proposto una sorta di ragionamento in parallelo, ricordando che «il tema ci porta d indagare sui rapporti fra Regione, Stato e Ue, perché sulle norme comunitarie si è affermata una visione dogmatica, frutto magari del lavoro di un lontano funzionario che spesso non ha neanche la cognizione di cosa sia la Sardegna». E’necessario quindi un confronto, ha suggerito, «per arrivare al riconoscimento di un trattamento particolare per la Sardegna, simile a quello della Spagna che notoriamente riesce ad ottenere ogni genere di deroghe in ogni settore, dal turismo delle Canarie all’agricoltura, deroghe non vengono mai sanzionate». La Sardegna, ha proseguito Solinas, «ricopre ruoli nella stessa Ue ma poi resta pericolosamente esposta a vicende come quella in discussione, vicenda legata con un filo rosso a quella della flotta sarda, costituita attraverso una società in house senza che si agevolasse nessuno; la partita, perciò, non è solo quella di trovare un rimedio alla mannaia fiscale contro le aziende turistiche, ma va piuttosto ridiscusso a monte il rapporto fra Sardegna e Ue per superare il gap dell’insularità attraverso misure concrete in grado di sostenere il superamento degli squilibri economici».
Il consigliere Oscar Cherchi (Forza Italia) ha detto fra l’altro che «gli interventi precedenti hanno tracciato una strada per intervenire e risolvere un problema enorme, problema che ricorda molto da vicino quello della legge 44 per l’agricoltura, andata a buon fine dopo un negoziato molto difficile con l’Unione europea, frutto di un pressing positivo che ha consentito di arrivare ad una soluzione». A questo punto, ha continuato Cherchi, «la Giunta deve trattare con la Ue la chiusura di questa vicenda; con la 44 si è usato il sistema de minimis e il modello può essere esteso anche se occorre iniziare a lavorarci con grande impegno, l’importante è che la Sardegna faccia di tutto per cancellare la sua patologia che da una parte da e dall’altra toglie».
(Af)
Ha quindi preso la parola il consigliere del Pd Piero Comandini che ha espresso apprezzamento per i contenuti e gli obiettivi della mozioni ma, rivolgendosi al capogruppo dei Riformatori Attilio Dedoni, ha anche sottolineato l’esigenza di individuare con chiarezza le responsabilità sulla vicenda.
«Il problema esiste da 15 anni, le imprese coinvolte sono 18 – ha detto Comandini – per evitare problemi bastava notificare all’Unione Europea la delibera, in quel momento alla guida della Regione c’era una parte politica ben definita. L’attuale Giunta ha avviato le interlocuzioni con Bruxelles, cercheremo di recuperare fino all’ultimo la situazione ma deve essere chiaro che le regole vanno rispettate».
Il consigliere del Pd ha poi manifestato solidarietà agli imprenditori turistici e offerto la disponibilità del suo partito a trovare soluzioni percorribili.
Il capogruppo dei Riformatori Attilio Dedoni rispondendo al collega Comandini, lo ha invitato ad approfondire il tema per capire quali siano le vere responsabilità.
«Non mi interessa adesso parlare dei colpevoli – ha proseguito Dedoni – oggi serve dare risposte agli imprenditori. La Sardegna subisce la tagliola dell’Unione Europea e la lontananza dello Stato italiano. Serve ragionare su cose serie che diano opportunità di sviluppo alla nostra Isola».
Fabrizio Anedda (Sinistra Sarda) ha rimarcato l’esigenza di sostenere le imprese che operano tra mille difficoltà. «Le aziende sane sono i motori dello sviluppo, oggi pagano le mancanze  di altri – ha detto Anedda – i responsabili sono all’interno della Regione».
Il consigliere comunista ha poi ricordato la triste vicenda degli aiuti concessi negli anni passati a imprenditori-prenditori che dopo aver incassato i soldi sono scappati lasciandosi dietro solo macerie. «Adesso, invece, si chiede a imprenditori seri di restituire i contributi ottenuti in virtù di una legge e secondo un’istruttoria portata avanti dalle banche – ha affermato Anedda - le imprese hanno investito e fatto affidamento sugli aiuti, oggi rischiano il fallimento. Banche, consulenti e Confidi sono i veri responsabili e non vengono chiamati in causa».
Gianfranco Congiu (Partito dei Sardi) ha invece puntato l’indice contro lo Stato italiano. «La vicenda è chiara – ha detto Congiu – la Ue nella lettera con cui chiede la restituzione dei contributi erogati agli albergatori dice che la Sardegna potrebbe beneficiare di una deroga sugli aiuti di Stato a condizione, però, che il Governo centrale certifichi la condizione di svantaggio dell’Isola e assicuri la destinazione dei denari alle politiche di sviluppo».
Secondo Congiu, la responsabilità dello Stato non può essere negata: «Il fatto rilevante – ha sottolineato il consigliere sovranista – è che l’Ue certifica l’incapacità del governo di accertare e quantificare gli svantaggi. Il nostro partito ritiene che questa incapacità debba essere rimarcata e sottolineata».
Il presidente Ganau ha quindi dato la parola alla Giunta per la replica. L’assessore al turismo Francesco Morandi ha parlato di “situazione molto complessa” e sottolineato la necessità di trovare una soluzione per tutelare le imprese.
«Il tema riguarda 18 albergatori che devono restituire circa 16,5 milioni di euro. Due lo hanno già fatto con grande difficoltà – ha detto Morandi – i posti di lavoro a rischio sono circa 1200».
L’assessore ha poi spiegato che sul caso esiste un pronunciamento definitivo della Corte di Giustizia Europea che ha dichiarato illegittimi gli aiuti agli albergatori sardi. «La sentenza parla di concorrenza sleale non tra imprese che competono a livello nazionale e internazionale ma a livello regionale – ha detto Morandi – la Regione è ora obbligata a recuperare le somme, altrimenti si rischia una multa di 20 milioni di euro all’anno e un’ammenda giornaliera di 160mila euro».
L’esponente della Giunta Pigliaru ha quindi assicurato il massimo impegno della Regione perché si trovi una soluzione che possa alleviare il danno alle aziende.
«Abbiamo avviato un’interlocuzione con l’Unione Europea che ha mostrato disponibilità a ricevere proposte della Regione sostenute dal Governo nazionale. Con Equitalia, invece, si è aperto un confronto per capire come recuperare le somme versate a titolo d’imposta e verificare la possibilità di una dilazione dei pagamenti».
Morandi ha chiarito che in ogni caso non si potrà percorrere la strada di un nuovo “de minimis”. «La sentenza della Corte di giustizia mette una pietra tombale sui contributi passati e sul futuro è disponibile a ragionare su un de minimis “aperto” che però prevede nuovi investimenti da parte delle imprese».
La strada da percorrere è per la Giunta ben definita: «Dobbiamo insistere con la Commissione per trovare una soluzione almeno sulla tempistica e il recupero delle somme –ha concluso Morandi - abbiamo avanzato alcune proposte e siamo in attesa di capire quali saranno accolte.  Per alleviare l’esposizione finanziaria delle imprese, l’assessorato sta cercando di individuare gli strumenti che possono essere messi in campo, si pensa a un’operazione di ingegneria finanziaria per ottenere una forma di pagamento dilazionato. Il percorso è difficile ma ci sono diverse opzioni in campo su cui si può lavorare». (Psp)
Il consigliere dei Riformatori, Michele Cossa è quindi intervenuto in sede di replica nel dibattito ed ha rivolto parole di ringraziamento e incoraggiamento per l’assessore del Turismo ma ha invitato l’intera Regione ad avere un sussulto di dignità: «Serve far cessare un atteggiamento che ci vede soccombere a priori dinanzi allo Stato e all’Europa e dire  basta anche a certe distrazioni da parte dell’amministrazione che producono disagi e danni ingenti». «La burocrazia che non paga pegno meriterebbe una riflessione», ha aggiunto il consigliere della minoranza, «e la politica deve riaffermare il ruolo di indirizzo e di controllo che gli è proprio».
Sempre in sede di replica è intervenuto il consigliere di Forza Italia, Marco Tedde (Fi) che ha definito la vicenda della restituzione dei fondi europei da parte di 28 albergatori sardi, “una vicenda cafchiana”  ed ha parlato di “atteggiamento schizzofrenico” da parte della Regione sarda. «Dobbiamo riparare i danni fatti in passato dalla Regione», ha insistito l’esponente della minoranza, «e l’atteggiamento dell’assessore nei confronti della commissione europea deve essere più determinato».
Il presidente del Consiglio, Gianfranco Ganau, ha sospeso quindi i lavori per qualche minuto in attesa di ricevere l’ordine del giorno unitario siglato da tutti capigruppo e che la consigliera segretario d’Aula, Daniela Forma (Pd) ha letto integralmente dai banchi riservati alla presidenza dell’assemblea. L’ordine del giorno Cocco Pietro e più, impegna la Giunta a “proseguire nell’opera intrapresa, intensificando ogni utile confronto con il governo italiano e la commissione europea, ai fini di un possibile alleggerimento dell’onere complessivo a carico delle imprese, evitando così i rischi economici e sociali prospettati”. L’ulteriore impegno rivolto alla Giunta (contenuto nel documento unitario che ha seguito la discussione delle mozioni 171 e 180) così recita: “ a proseguire, attraverso un confronto con l’agenzia delle Entrate ogni utile iniziativa tesa a reintegrare nei tempi più urgenti, una volta compiuto il recupero degli aiuti, le somme a suo tempo versate dalle stesse imprese a titolo di imposta; a supportarle imprese nel perseguire ogni utile e legittima strada finanziaria tesa a salvaguardare la stabilità economica, finanziaria ed occupazionale delle stesse”.
L’assessore del Turismo, Francesco Morandi, ha espresso parere favorevole, per conto della Giunta, all’ordine del giorno proposto da tutti i capigruppo del Consiglio e successivamente il capogruppo di Sovranità, democrazia e lavoro, Roberto Desini, ha dichiarato il voto favorevole del gruppo e rivolto parole di apprezzamento per l’operato dell’assessore. Il capogruppo della maggioranza ha quindi richiesto la votazione palese elettronica.
Il consigliere del Pd, Piero Comandini, ha dichiarato il voto a favore dell’intero gruppo del Partito democratico e piena condivisione per il “percorso serio e realistico tratteggiato dall’assessore Morandi”.
A favore dell’ordine del giorno anche la dichiarazione di voto del capogruppo, Daniele Cocco (Sel), e quella di Luigi Crisponi (Riformatori). L’ex assessore del Turismo della Giunta Cappellacci ha però sottolineato che né la Regione e né l’Unione europea hanno verificato in quale limite i fondi legittimi siano stati utilizzati. Il consigliere della minoranza ha quindi invitato la giunta ad “approfondire la questione in sede comunitaria”.
Il consigliere Pierfranco Zanchetta (Cristiano, popolari socialisti ) ha dichiarato il voto favorevole ed ha sottolineato “l’insipienza dello Stato”: «Serve più autorevolezza contro la “gabbia burocratica europea”  nella quale sono rimasti intrappolato i nostri imprenditori del comparto alberghiero».
Il capogruppo dei Riformatori, Attilio Dedoni, ha ripreso alcuni concetti espressi dal consigliere Congiu per affermare che “il nodo del problema resta il rapporto dello Stato italiano con l’Unione europea”. «Ritrovare l’energia per rappresentare le ragioni della Sardegna – ha concluso il consigliere della minoranza – ed il presidente Pigliaru deve mostrarsi più duro nel confronto con il governo Renzi per difendere i diritti dei sardi».
Il consigliere di Forza Italia, Marco Tedde ha dichiarato il voto favorevole dell’intero gruppo ed ha invitato l’assessore e l’esecutivo regionale a valutare la novità emersa nelle ultime ore inerente un pronunciamento della corte di giustizia europea a favore di uno degli imprenditori sardi coinvolti nella vicenda della restituzione dei fondi comunitari («potrebbe aprirsi una breccia dove poterci inserire»).
Il consigliere di Sovranità, democrazia e lavoro, Gianfranco Congiu, ha dichiarato il voto favorevole all’ordine del giorno ed ha evidenziato il tema dei rapporti tra la  Regione e lo Stato italiano: «Chiediamo che siano riconosciute le deroghe riconosciute nei trattati comunitari alle aree periferiche e svantaggiate d’Europa (come le Canarie) in materia di regime degli aiuti di Stato.
Concluse le dichiarazioni di voto il presidente del Consiglio ha posto in votazione l’ordine del giorno che è stato approvato all’unanimità con 49 voti favorevoli.
Successivamente il presidente Ganau ha sospeso la seduta ed ha convocato la conferenza dei capigruppo per la predisposizione dell’ordine del giorno relativo alla Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe. (A.M.)
Alla ripresa dei lavori, il presidente ha comunicato la presentazione dell’ordine del giorno, sottoscritto da tutti i capigruppo, sulla situazione della Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe. Il documento impegna la Giunta regionale «a reperire le risorse finanziarie occorrenti al pagamento degli stipendi arretrati, anche attraverso anticipazioni sulle prestazioni sanitarie erogabili nei prossimi mesi». Entro 90 giorni, inoltre, dovranno essere definite «la liquidazione dell’ex Ipab Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe e la sua trasformazione in Asp». La Giunta, infine, dovrà presentare all’interno della riforma del sistema sanitario regionale, «il piano di riorganizzazione del sistema riabilitativo socio-sanitario mediante la definizione di una rete che tenga conto e risolva le ulteriori criticità del sistema regionale».
Non essendoci iscritti a parlare, il presidente ha messo in votazione l’ordine del giorno che è stato approvato dal Consiglio con 42 voti favorevoli e 6 astensioni.
Al termine dello scrutinio il presidente ha comunicato il rinvio dell’ultimo punto all’ordine del giorno, l’interpellanza n.83/A (Anedda) “sulla gara d’appalto a procedura aperta per l’affidamento dei servizi catalografici e informatici relativi al sistema informativo regionale del patrimonio culturale” a causa dell’assenza dell’assessore competente. Successivamente, ha tolto la seduta e riconvocato il Consiglio a domicilio. (Af)