CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XV Legislatura

Ufficio Stampa

Nota stampa della seduta n. 99
Martedì 14 Aprile 2015

DL 130 “Norme per il miglioramento del patrimonio edilizio e per la semplificazione e il riordino di disposizioni in materia urbanistica ed edilizia” –
Approvati gli articoli 27 e 28

 

 Il Consiglio regionale ha approvato gli articoli 27 e 28 del Dl 130 “Norme per il miglioramento del patrimonio edilizio e per la semplificazione e il riordino di disposizioni in materia urbanistica ed edilizia”. L’Aula riprenderà i lavori domani alle 10.
La seduta si è aperta sotto la presidenza del presidente Gianfranco Ganau. Dopo le formalità di rito, il Consiglio ha proseguito l’esame dell’ordine del giorno con la discussione generale dell’art.27 (“Interventi di trasferimento volumetrico per la riqualificazione ambientale e paesaggistica”) del Disegno di legge n.130 – Giunta regionale – “Norme per il miglioramento del patrimonio edilizio e per la semplificazione e il riordino di disposizioni in materia urbanistica ed edilizia”. Per incentivare il trasferimento volumetrico per la riqualificazione ambientale e paesaggistica nell’articolo viene previsto un credito volumetrico pari al 40 per cento.
Il consigliere Mario Floris (Sardegna) ha chiesto all’assessore e alla maggioranza «se esiste la volontà di dare un significato alla legge» e ha formulato, in proposito, due proposte. Con la prima si introducono nella legge gli interventi sostitutivi regionali a favore dei comuni che non hanno mezzi sufficienti per le demolizioni di manufatti abusivi realizzati in zone vincolate o a rischio idrogeologico, prevedendo anche le opere di ripristino del territorio. Con la seconda, sempre per venire incontro ai comuni,  si prevedono forme di sostegno per consentire il recepimento delle nuove disposizioni regionali negli statuti dei comuni.
Il consigliere Oscar Cherchi (Forza Italia) ha evidenziato che l’articolo «è diviso in due parti: la prima dà grande premialità, il 40%, per la demolizione seguita da ricostruzione in aree urbane importanti dal punto di vista paesaggistico o a rischio idrogeologico». Nella seconda parte c’è, ha poi lamentato, «c’è una sostanziale una retromarcia anche nella fascia dei 300 dove alla demolizione non può seguire la ricostruzione se non in un’area più interna con un arretramento del manufatto, ma così non si riqualifica il paesaggio».
Il consigliere Marco Tedde, sempre di Forza Italia, ha condiviso le considerazione del collega Cherchi, aggiungendo che il testo, «originariamente l’art.8 della prima proposta della Giunta sottoposta alla commissione, non presenta sostanziali differenze e appare frutto della ennesima schizofrenia legislativa che attraversa tutta le legge, contenitore di tante norme difficili da assemblare e soprattutto da applicare». In molti passaggi, ha aggiunto entrando nel merito, «viene richiesto l’intervento del consiglio comunale ma questo non è certo un modo per semplificare l’iter dei procedimenti amministrativi, è invece un appesantimento inutile che complicherà le procedure ed allungherà i tempi, meglio assegnare queste competenze alle giunte».
Il consigliere Michele Cossa (Riformatori sardi) non ha espresso un giudizio negativo sull’articolo che, a suo avviso, «risponde efficacemente alla domanda di riqualificazione presente sul territorio regionale, fermo restando il peccato originale della legge per cui anche interventi di miglioramento in certe aree incontreranno un mare di difficoltà; in definitiva il testo dimostra poco coraggio perché si poteva andare un po’ più avanti e poteva essere esteso anche ai manufatti abusivi e sanabili, magari al centro di lunghe e complesse vicende giudiziarie».
Il capogruppo dei Riformatori sardi, Attilio Dedoni, ha messo l’accento sul fatto che «il paesaggio non è una cartolina ma qualcosa di mobile in continua trasformazione, non solo per la presenza di manufatti abusivi ma anche, ad esempio, per l’abbandono o la sostituzione di alcune colture; il Consiglio regionale ha il dovere di intervenire per preservare l’integrità del nostro paesaggio e questa purtroppo è una occasione che la legge non ha saputo cogliere».
Il capogruppo di Forza Italia Pietro Pittalis, ha osservato che «c’è molta agitazione nei banchi del centrosinistra, forse per i troppi vertici bilaterali convocati da Soru e Pigliaru, speriamo non ci siano le ennesime ripercussioni negative su questa legge». Pittalis ha poi citato le perplessità espresse da un importante esponente della maggioranza sulla nuova norma, «giudizio negativo cui come al solito non è seguito alcun fatto concreto, come sarebbe stato lecito e logico aspettarsi sia sulla legge che sullo stesso articolo in esame, frutto dell’atteggiamento di qualcuno che continua a fare gazzosa sulla stampa salvo poi comportarsi in modo contrario». Come modifica del testo il capogruppo di Forza Italia ha suggerito una riduzione dei costi di costruzione, già prevista nella misura del 20% dalla normativa nazionale per gli immobili dismessi, superando l’insufficiente previsione del testo in discussione, limitato alla riduzione degli oneri concessori». (Af)
Il presidente Ganau ha quindi messo in votazione gli emendamenti all’art 27.
A scrutinio palese, l’Aula ha bocciato l’emendamento soppressivo totale n.226 e i soppressivi parziali n. 335, 319,320,321,322,323,333 e 334.
Sull’emendamento soppressivo parziale n.332 (Pittalis e più) è intervenuto per dichiarazioni di voto il consigliere Oscar Cherchi che ha giudicato contraddittorie le disposizioni contenute nel comma 4 dell’art. 27: «non si capisce – ha detto Cherchi – per quale motivo non si possano ricostruire gli edifici demoliti nella fascia dei 300 metri dal mare. Questa possibilità è invece prevista dall’art.28 seppur con una diminuzione delle volumetrie del 15%». Cherchi ha quindi proposto la soppressione del comma 4 o, in alternativa, un adeguamento alle disposizioni dell’art.28.
Mario Floris (Sardegna – Uds) ha invece ribadito la necessità di modificare la norma per scongiurare l’impugnazione da parte del Governo. «Stiamo modificando norme statali di carattere generale – ha detto Floris – il rischio di una bocciatura da parte della Corte Costituzionale è reale».
Antonello Peru (Forza Italia), dopo aver segnalato il contrasto tra le disposizioni dell’art. 27 e dell’art.28, ha chiesto un intervento chiarificatore da parte dell’assessore all’Urbanistica Cristiano Erriu. L’esponente della Giunta Pigliaru ha ricordato che la questione era stata ampiamente dibattuta nel corso dell’esame del Piano Casa. «La logica è che gli interventi di demolizione abbiano come fine la riqualificazione paesaggistica».
L’emendamento n. 332 è stato respinto dall’Aula con 27 voti contrari e 18 a favore.
Disco rosso anche per gli emendamenti sostitutivi parziali n. 318, 324, 325=357, 326, 327 e 328, tutti presentati dalla minoranza. 
Si è poi passati all’esame dell’emendamento sostitutivo parziale n.329 (Pittalis e più) che proponeva di cancellare il comma 7 dell’art.27 che fissa il limite dei 3 metri d’altezza per le ricostruzioni, con mutamento di destinazione d’uso, di edifici precedentemente destinati a cicli produttivi. Per dichiarazione di voto è intervenuto il consigliere Oscar Cherchi (Forza Italia): «si tratta di una norma eccessivamente restrittiva – ha detto l’esponente della minoranza – se l’immobile ha un unico piano significa perdere tanta volumetria». Cherchi ha quindi proposto di cassare il comma o di portare il limite d’altezza per le ricostruzioni a 3,5 metri. L’emendamento n. 329 è stato bocciato con 28 voti contrari e 18 a favore.
Il presidente Ganau ha poi messo in votazione il testo dell’articolo 27.
Il presidente della Commissione Urbanistica Antonio Solinas ha proposto un emendamento aggiuntivo orale con il quale si stabilisce che “le disposizioni si applicano anche in casi di edifici in corso di realizzazione o realizzabili in virtù di titolo abilitativo legittimo ed efficace alla data di presentazione dell’istanza di parte del privato o alla data di adozione della deliberazione del consiglio comunale”.  Dopo una breve sospensione, la proposta è stata accolta dall’Aula che ha poi dato il via libera al testo dell’art.27 con 30 voti a favore e 16 contrari.
Si è quindi passati alla votazione dell’emendamento aggiuntivo n. 134, presentato dalla Giunta regionale, dell’art.27 ha ottenuto il via libera con 29 a favore e 18 contrari. La modifica al testo stabilisce che, in caso di demolizioni e ricostruzioni di edifici localizzati in zone urbanistiche omogenee diverse dalla zona A, la necessità di una deliberazione del consiglio comunale o una espressa disposizione contenuta nel Piano particolareggiato del centro di antica e prima formazione”. (Psp) 

Il presidente ha quindi aperto la discussione sull’articolo 28 (Rinnovo del patrimonio edilizio con interventi di demolizione e ricostruzione). L’obiettivo dell’articolo in discussione è chiarito al comma 1 in cui viene scritto: “La Regione promuove il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente mediante interventi di integrale demolizione e successiva ricostruzione degli edifici esistenti che necessitino di essere adeguati in relazione ai requisiti qualitativi, architettonici, energetici, tecnologici, di sicurezza strutturale e per il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche”. L’articolo prevede, secondo la zona, diverse premialità volumetriche mentre nella zona h una diminuzione volumetrica rispetto all’edificio originale. Il capogruppo di Sardegna Vera, Efisio Arbau, ha annunciato il ritiro dell’emendamento n. 14. Il primo consigliere a prendere la parola è stato Oscar Cherchi (Forza Italia). Per l’esponente della minoranza non è chiaro perché nell’articolo 28 vengano attribuite diverse premialità secondo la grandezza del lotto: per i lotti inferiori a 500 metri quadri la premialità è del 15%, se invece sono superiori la premialità è del 30%. «L’altro aspetto  che mi lascia perplesso – ha proseguito Cherchi - è legato alle zone agricole: si escludono senza una ratio e una logica». Per Cherchi non ha neanche senso che nella zona h, in caso di demolizione e ricostruzione, vengano penalizzati i proprietari con una diminuzione del 15% della volumetria. «Chiediamo che vengano mantenute le stesse volumetrie». D’accordo con il collega di partito anche Giuseppe Fasolino: «In questo articolo ci sono contraddizioni evidenti». Per l’esponente della minoranza «è assurdo che l’aumento volumetrico debba essere approvato in Consiglio comunale. Uno degli obiettivi della legge era di velocizzare le procedure, così stiamo appesantendo, e non di poco, l’iter burocratico». Per quanto riguarda il comma 15 ha poi affermato: «Oltre a ridurre la volumetria del 15% potevamo anche punire il proprietario per aver voluto recuperare il proprio edificio in zona h. Teniamo almeno la volumetria esistente».
Per l’esponente di Forza Italia, Ignazio Locci: «Questa norma nelle sue intenzioni,  ossia provare a specificare meglio le norme nazionali, sembrava meritoria, ma poi troviamo che questo principio è annacquato da diverse limitazioni». Per Locci non c’è motivo  di negare la possibilità di utilizzare la legge a chi ha già utilizzato altre norme precedentemente. Per Michele Cossa, Riformatori sardi: «Questo articolo andrebbe nella direzione giusta se non ci fossero inutili appesantimenti delle procedure. Che senso ha l’approvazione dell’aumento volumetrico da parte del Consiglio comunale, al massimo sottoponiamolo a delibera di Giunta». Per l’esponente della minoranza il comma 12 rappresenta un inutile appesantimento e complicazione: «Chiedere al privato elaborati tecnico-grafici di livello pari allo studio di fattibilità di un'opera pubblica mi sembra eccessivo». Per Cossa anche il comma 15 (riduzione volumetrica del 15% in zona h) non ha senso: «Stiamo parlando di edifici che hanno avuto con concessione edilizia, e quindi legittimi. Non possono essere penalizzati coloro che si fanno carico di spendere denaro per demolire e ricostruire le porcherie di cui è costellata la nostra costa, mi sembra un accanimento ingiustificato». D’accordo anche Antonello Peru, intervenuto in vece del capogruppo di Forza Italia. Per l’esponente dell’opposizione si tratta di una legge un po’ pasticciata anche se in alcune parti corretta «grazie al contributo dell’opposizione». Peru si è detto contrario a quanto previsto nel comma 15, ossia la riduzione della volumetria pari al 15% in caso di demolizione e ricostruzione in zona H. «Basta l’applicazione della legge 380, recepita da questa legge, per consentire ai proprietari di edifici presenti in zona h di demolire e ricostruire senza penalizzazioni. Speriamo – ha concluso - che la maggioranza ascolti i suggerimenti della minoranza».
Il presidente ha dato quindi la parola all’assessore dell’Urbanistica, Cristiano Erriu, il quale ha chiarito alcuni dubbi della minoranza. Intanto per quanto attiene al passaggio in Consiglio comunale: questo riguarda soltanto lotti superiori a 500 metri quadri o 2000 metri cubi, mentre le piccole proprietà sono esentate da questo passaggio. «Per quanto riguarda l’agro nelle zone e) e h) abbiamo una norma di salvaguardia e vogliamo evitare le deroghe». D’accordo con le osservazioni dell’opposizione invece sul comma 15: «Ci sarà una proposta di emendamento orale per eliminare la riduzione del 15 per cento sulla volumetria esistente per gli edifici delle zone H». (eln)
Il presidente della commissione Antonio Solinas (Pd) ha illustrato al Consiglio due emendamenti orali con cui si modificano alcune parti dell’articolo 28. Con il primo, il comma 11 dell’art. 28 riformulato consente la cumulabilità del credito volumetrico del lotto con i volumi dello stesso non ancora utilizzati. Il secondo, invece, interviene sul comma 15 e, in caso di demolizione-ricostruzione in zona h, permette la riedificazione dell’immobile utilizzando la volumetria pre-esistente, «a condizione che il nuovo fabbricato determini un minore impatto paesaggistico secondo le indicazioni dell’Amministrazione regionale, con apposite linee guida da adottarsi entro 120 giorni dall’entrata in vigore della legge».
Il consigliere Michele Cossa (Riformatori sardi), sull’ordine dei lavori, ha osservato che la risposta dell’assessore è stata fornita sulla base del testo, tralasciando che lo stesso era sottoposto a significative modifiche per effetto degli emendamenti presentati. Un tale modo di procedere, ha affermato, «crea confusione e rende difficile il lavoro dell’Aula».
Il presidente ha condiviso l’osservazione, invitando tutti a procedere con ordine.
Successivamente l’Assemblea ha respinto i seguenti emendamenti: 227, 309, 426, 310, 423, 311, 422, 421, 312, 78, 314, 315, 316, 317, 358, 359, 360, 361, 362, 363, 364, 365, 503, 504, 505, 506, 507, 170, 579, 580, 581, 398, 424, 153, 151, 394, 433.
Sono stati invece approvati il n. 473- Solinas Antonio e più (“E’ consentita la demolizione-ricostruzione dei fabbricati esistenti con un credito volumetrico del 30% da determinarsi con apposita deliberazione del consiglio comunale 512”), il n.135 – Giunta regionale (“Le demolizioni-ricostruzioni nei centri storici sono consentite solo in presenza del Piano particolareggiato del centro di antica e prima formazione”) e n.592 – Giunta regionale – (“La Regione promuove il ricorso a programmi integrati di riordino urbano di cui alla legge regionale 16/94”).
A seguito dell’approvazione dell’emendamento n.592 il presidente ha dichiarato la decadenza di alcuni emendamenti, fra i quali il n.15 - aggiuntivo.
Successivamente il Consiglio ha approvato il testo dell’art. 28, comprensivo delle integrazioni orali formulate dal presidente della commissione Antonio Solinas (Pd).
Il capogruppo di Sardegna Vera Efisio Arbau ha sollecitato un chiarimento sulla decadenza dell’emendamento n.15, che a suo avviso resta valido, e ha chiesto una breve sospensione della seduta che il presidente ha accordato.
Alla ripresa dei lavori il presidente ha spiegato che l’emendamento n.15 presenta in effetti una diversità rispetto al n. 592 e può essere ammesso sia pure non integralmente, ma solo per la parte che riguarda la cessione di immobili a prezzo simbolico in modo da poter avviare i piani integrati previsti dall’articolo 28 e, per questo motivo, sarà integrato nel testo.
Successivamente è stato messo in votazione l’emendamento n.15 che l’Assemblea ha approvato.
Il presidente ha poi avviato la discussione generale sull’art. 29 (“Commissione regionale per il paesaggio e la qualità architettonica”).
Il presidente della commissione Antonio Solinas, intervenendo sull’ordine dei lavori, ha comunicato che in base ad accordi intercorsi fra tutti i gruppi, è stato deciso di chiudere la seduta con l’approvazione dell’art.28 rinviando l’esame dell’art. 29 a domani.
Il presidente, quindi, ha dichiarato conclusa la seduta ed ha riconvocato il Consiglio per domattina alle 10. (Af)