CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 375/A

DEDONI sui licenziamenti delle maestranze della società Fluorite di Silius.

***************

Il sottoscritto,

premesso che la società Fluorite di Silius Spa in liquidazione è una società interamente partecipata dalla Regione, che costituita per effetto della legge regionale 2 novembre 2006, n. 16, si aggiudicò, in via provvisoria, la gara ad evidenza pubblica per l'assegnazione della concessione mineraria denominata "Genna Tres Montis", nei Comuni di San Basilio e Silius;

considerato che la concessione venne rilasciata in favore della società, esclusivamente in via amministrativa, nelle more dell'acquisizione delle necessarie autorizzazioni inerenti la compatibilità ambientale sul progetto della concessione medesima;

ricordato che i lavoratori già dipendenti della società Nuova Mineraria Silius Spa furono, previo licenziamento, collocati in mobilità e riassunti dalla società Fluorite di Silius per essere occupati in lavori obbligatori di mantenimento e messa in sicurezza della miniera di Genna Tres Montis, in attesa della ripresa produttiva;

considerato che, per effetto della decisione del dicembre 2007 con la quale la Commissione europea avviò un procedimento di infrazione ex articolo 88, paragrafo 2 del Trattato istitutivo dell'Unione europea, la concessione mineraria fu revocata e, nelle more di assegnazione a un soggetto privato, furono affidati alla Fluorite di Silius il mantenimento in sicurezza e la custodia della miniera;

visto che la società in house della Regione procede oggi a licenziare i dipendenti, uno addirittura "apicale", mentre, al contempo, un'altra società interamente partecipata dalla Regione, l'IGEA Spa, assume con procedure discutibili da aziende private,

chiede di interpellare il Presidente della Regione per sapere se:
1) sia a conoscenza di quanto su esposto e se lo ritenga coerente con le norme di buon senso del nostro ordinamento;
2) non ritenga di dover immediatamente verificare se le spese sostenute dalla società siano coerenti con la procedura dì liquidazione;
3) non ritenga, infine, di dover sospendere le procedure di licenziamento del personale qualificato in attesa delle verifiche in merito all'azione intrapresa dalla società.

Cagliari, 3 ottobre 2018