CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

PROPOSTA DI LEGGE N. 421/A

presentata dai Consiglieri regionali
SOLINAS Antonio - COCCO Pietro

il 26 aprile 2017

Disposizioni urgenti finalizzate all'adeguamento della legislazione regionale al decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31 (Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata). Modifiche alla legge regionale n. 28 del 1998

***************

RELAZIONE DEI PROPONENTI

La presente proposta di legge ha lo scopo di adeguare l'ordinamento regionale alle disposizioni statali che semplificano la disciplina delle autorizzazioni paesaggistiche individuando sia gli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica che quelli sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata. Il richiamo che si intende operare è al Decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31 (Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata) che attua la previsione dell'articolo 12, comma 2, del decreto legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito con modificazioni dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, così come modificata dall'articolo 25, comma 2, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito con modificazioni dalla legge 11 novembre 2014, n. 164 (Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 11 settembre 2014, n. 133, Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l'emergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa delle cattività produttive).

È bene precisare che in assenza di tale recepimento formale nell'ordinamento regionale, il sistema delle fonti non consentirebbe di applicare in Sardegna la normativa di semplificazione contemplata nel suddetto regolamento statale.

L'articolo 1 chiarisce le competenze attribuite ai comuni delegati all'esercizio delle funzioni in materia paesaggistica modificando l'articolo 3 della legge regionale 12 agosto 1998, n. 28 (Norme per l'esercizio delle competenze in materia di tutela paesistica trasferite alla Regione autonoma della Sardegna con l'art. 6 del D.P.R. 22 maggio 1975, n. 480, e delegate con l'art. 57 del D.P.R. 19 giugno 1979, n. 348), e garantisce il necessario allineamento normativo tra le previsioni della stessa legge e la normativa succedutasi nel tempo con particolare riferimento alle disposizioni in materia edilizia.

L'articolo 2 sostituisce l'articolo 5 bis della legge regionale n. 28 del 1998, e ridefinisce gli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata ai sensi dell'Allegato A del regolamento suddetto.

L'articolo 3 precisa che la legge è priva di oneri finanziari e l'articolo 4 prevede l'entrata in vigore della legge.

***************

RELAZIONE DELLA QUARTA COMMISSIONE PERMAMENTE GOVERNO DEL TERRITORIO, PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA, EDILIZIA, TUTELA DELL’AMBIENTE, PARCHI E RISERVE NATURALI, DIFESA DEL SUOLO E DELLE COSTE, PIANIFICAZIONE PER LA GESTIONE E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI, RISORSE IDRICHE, POLITICHE ABITATIVE, LAVORI PUBBLICI, PORTI E AEROPORTI CIVILI, MOBILITÀ E TRASPORTI

composta dai Consiglieri

PINNA Giuseppino, Presidente - SOLINAS Antonio, Vice presidente e relatore - FASOLINO, Segretario - ZANCHETTA, Segretario - CARTA - COLLU - DEMONTIS - LAI - MANCA Pier Mario - MELONI - PERU - SATTA

pervenuta il 28 aprile 2017

La Quarta Commissione consiliare permanente, nella seduta del 27 aprile 2017, ha esaminato e approvato definitivamente all'unanimità la proposta di legge n. 421/A, recante "Disposizioni urgenti finalizzate all'adeguamento della legislazione regionale al decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31 (Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata). Modifiche alla legge regionale n. 28 del 1998".

La Commissione ha condiviso la finalità della proposta di legge, illustrata dal proponente di recepire con urgenza nell'ordinamento regionale la disciplina statale contenuta nel decreto del Presidente della Repubblica n. 31 del 2017 che semplifica la disciplina delle autorizzazioni paesaggistiche, individuando sia gli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica sia quelli sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata che sono delegati ai comuni. Infatti, in assenza di tale recepimento formale nell'ordinamento regionale, i cittadini della Sardegna sarebbero esclusi dai benefici della semplificazione procedurale e burocratica apportati dalla suddetta normativa che bilancia tali esigenze con il rispetto della tutela paesaggistica.

Per tali ragioni, i componenti della Commissione espressione dei gruppi di maggioranza e di minoranza del Consiglio regionale esprimono con la presente relazione una valutazione positiva nei confronti del proposta di legge n. 421/A.

***************

TESTO DEL PROPONENTE

TESTO DELLA COMMISSIONE

Art. 1
Modifiche all'articolo 3 della legge regionale n. 28 del 1998 (Competenza del comune)

1. Al comma 1 dell'articolo 3 della legge regionale 12 agosto 1998, n. 28 (Norme per l'esercizio delle competenze in materia di tutela paesistica trasferite alla Regione autonoma della Sardegna con l'art. 6 del D.P.R. 22 maggio 1975, n. 480, e delegate con l'art. 57 del D.P.R. 19 giugno 1979, n. 348), la lettera h bis) è sostituita dalla seguente:
"h bis) gli interventi di lieve entità soggetti al procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31 (Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata).".

 

Art. 1
Modifiche all'articolo 3 della legge regionale n. 28 del 1998 (Competenza del comune)


(identico)

Art. 2
Sostituzione dell'articolo 5 bis della legge regionale n. 28 del 1998 (Interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o di lieve entità sottoposti al procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica)

1. L'articolo 5 bis della legge regionale n. 28 del 1998 è sostituito dal seguente:
"Art. 5 bis (Interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti al procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica)
1. Nelle aree ed immobili sottoposti alle norme di tutela di cui alla parte III del decreto legislativo n. 42 del 2004, e successive modifiche ed integrazioni, sono esclusi dall'obbligo dell'autorizzazione paesaggistica gli interventi e le opere di cui all'Allegato A al decreto del Presidente della Repubblica n. 31 del 2017.
2. Nelle aree ed immobili sottoposti alle norme di tutela di cui alla parte III del decreto legislativo n. 42 del 2004, e successive modifiche ed integrazioni, gli interventi di lieve entità previsti nel decreto del Presidente della Repubblica n. 31 del 2017 e nel relativo Allegato B sono assoggettati al procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica secondo la disciplina dettata dallo stesso regolamento.
3. Al ricorrere delle condizioni previste dall'articolo 4 del regolamento di cui al comma 1 si applicano le ulteriori fattispecie di esonero dall'obbligo di autorizzazione paesaggistica semplificata.
4. Sono assoggettate a procedimento semplificato le istanze di rinnovo di autorizzazione paesaggistica, scadute da non più di un anno e relative ad interventi in tutto o in parte non eseguiti, a condizione che il progetto risulti conforme a quanto in precedenza autorizzato e alle specifiche prescrizioni di tutela eventualmente sopravvenute. L'istanza di rinnovo non è corredata dalla relazione paesaggistica semplificata nei casi in cui non siano richieste variazioni progettuali e non siano sopravvenute specifiche prescrizioni di tutela. Alle autorizzazioni rinnovate si applica la disposizione di cui all'articolo 146, comma 4, del decreto legislativo n. 42 del 2004, e successive modifiche ed integrazioni, con riferimento alla conclusione dei lavori entro e non oltre l'anno successivo la scadenza del quinquennio di efficacia della nuova autorizzazione. Le semplificazioni procedurali non operano al ricorrere delle condizioni di cui all'articolo 7, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica n. 31 del 2017.
5. L'istanza di autorizzazione paesaggistica e la relativa documentazione sono presentate allo Sportello unico per le attività produttive e per l'edilizia (SUAPE).
6. Per quanto non espressamente previsto dal presente articolo, si applicano le disposizioni contenute nel decreto del Presidente della Repubblica n. 31 del 2017 e relativi allegati.".

 

Art. 2
Sostituzione dell'articolo 5 bis della legge regionale n. 28 del 1998 (Interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o di lieve entità sottoposti al procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica)


(identico)

Art. 3
Norma finanziaria

1. La presente legge non comporta oneri finanziari a carico del bilancio regionale.

 

Art. 3
Norma finanziaria


(soppresso)

Art. 4
Entrata in vigore

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione autonoma della Sardegna (BURAS).

 

Art. 4
Entrata in vigore


(identico)